Davanti a pasta, melanzane e pomodorini la felicità è un concetto semplice!

16/5/2018 1.9 MILA

Pasta, melanzane e pomodorini
Pasta, melanzane e pomodorini

di Fabiola Quaranta

Vi capita di vivere giornate per certi aspetti strambe, sconclusionate, in cui versate in uno strano stato di confusione? A me sì ed oggi è stata una di quelle. Complice il tempo che non aiuta, è maggio e sembra autunno, un occhio chiuso e l’altro aperto, con l’armadio che esplode di colori estivi e tessuti leggeri mentre fuori imperversa la tempesta ed il cielo grigio bisbiglia di rimettersi a letto, si cominciadal mattino a farsi domande che non trovano risposta, dal banale “ma perché ho fatto il cambio di stagione!?” all’esistenzialismo spinto di cui certo non discuteremo adesso. Fatto sta che giornate come questa
annunciano una dirompente ed irrisolta guerriglia psicologica tra me e me sin da subito. Aggiungete poi il risvolto lavorativo che mi porta, ahimè, spesso a contatto con persone che non passano esattamente periodi felici…ragazzi, non vedevo l’ora di rientrare a casa e rilassarmi con azioni semplici.
I miei strumenti di riabilitazione e conforto oggi sono stati pento le epadelle, come spesso accade, dopo avere abbracciato i miei bambini e scambiato due chiacchiere veloci mi sono lasciata cullare dalla mia musica e da un pensiero fisso che mi rimettesse al mondo: le melanzane!
Non potete capire, trovare la felicità nelle pieghe della vita, del quotidiano è una delle sensazioni che mi riempie più di gioia. Ho
comprato le melanzane un paio di giorni addietro, quando il sole splendeva alto nel cielo rendendo calda la profumata aria primaverile (nulla lasciava presupporre che di lì a poco l’ennesimo Anticiclone
portasse freddo e trambusto), basilico, pomodorini ed una voglia matta di farle a funghetti! Non ho esitato un attimo, ho estratto dal cassetto il mio coltello più performante e con un taglio deciso e terapeutico ho ridotto questi meravigliosi ortaggi in dadini pronti da tuffare in olio bollente ed immediatamente il sorriso è tornato ad illuminarmi, nonostante lo spettro della prova costume che oggi ho ancora una volta bellamente ignorato.
A ritmo di The Cure e Tears for Fears ho preso a lavare i pomodorini, meravigliosa espressione della primavera più generosa e ho lavato con grande soddisfazione tante, tantissime foglioline della pianta di basilico che ho in balcone. Finalmente profumo d’estate, finalmente una gioia! Canta qua e friggi là, tra una manina ladruncola dei miei figli intenti a rubacchiare i succulenti dadini fritti e l’acqua che bolliva sul fuoco, non ho potuto fare a meno di pensare quanto sia
semplice il concetto di felicità e mi sono detta che in questo mondo che abbiamo reso tanto complicato, basterebbe così poco per rallentare il ritmo e stupirci ancora e sempre per le piccole cose, vivendole ogni volta come fosse la prima.
Probabilmente se Di Maio, Salvini e chi per loro si mettessero intorno ad un tavolo in riva la mare a mangiare un buon piatto di pasta, bere un bicchiere di vino e farsi una risata guardando il tramonto, il Governosarebbe già operativo e finalmente risolutivo! Vivete di gusto e con gusto, tutto il resto è noia!

Pasta, melanzane e pomodorini

Ricetta di Fabiola Quaranta

  • 5.0/5Vota questa ricetta

Ingredienti

  • 4 melanzane lunghe di grandezza media
  • 500 gr. di pomodorini ciliegino
  • 2 spicchi di aglio
  • olio evo q.b.
  • olio per friggere
  • sale q.b.
  • basilico
  • 400 gr. di pasta
  • parmigiano o altro formaggio da grattugiare

Preparazione

Iniziate lavando le melanzane che priverete delle estremità e taglierete a dadini; intanto in una padella alta scaldate l’olio, poi
friggete le melanzane e lasciatele sgocciolare su carta assorbente. In altra casseruola fate soffriggere l’aglio nell’olio e versatevi i
pomodorini, precedentemente lavati e tagliati, aggiustate di sale, aggiungete il basilico. Portate ad ebollizione l’acqua in cui lascerete cuocere la pasta. Non vi resterà che unire il condimento alla pasta, facendo una generosa grattugiata di formaggio.

Un commento

    Cristina Brancaleone

    (16 maggio 2018 - 15:45)

    Ottima la ricetta, piacevole la lettura…. come sempre.. 😊 grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.