Napoli, 1 dicembre. I dolci delle feste al Romeo Hotel con Molino Caputo

Letture: 174
I dolci delle feste, l'edizione 2014 dell'evento di Molino Caputo - foto di Stefano Renna
I dolci delle feste, l’edizione 2014 dell’evento di Molino Caputo – foto di Stefano Renna

“I dolci delle feste dei grandi interpreti, tra tradizione e innovazione: omaggio alla Francia di Carolina Bonaparte” è questo il tema scelto per la quarta edizione dell’evento natalizio firmato Molino Caputo. Il 1° dicembre, grandi interpreti della pasticceria e chef stellati si incontrano a Napoli per presentare i dolci delle feste di Natale nell’elegante sala panoramica Beluga dell’albergo 5 stelle lusso Romeo hotel. Dolci della tradizione siciliana, toscana e campana accanto a qualche nuovo nato, ispirato agli stilemi neoclassici introdotti a Napoli dalla sorella di Napoleone Bonaparte, durante il regno di Gioacchino Murat.

Antimo Caputo, AD del Molino Caputo nonché promotore dell’iniziativa, ha espresso la sua soddisfazione: “Questa manifestazione, anno dopo anno, ci offre nuovi input legati alla creatività e alla professionalità dei nostri ospiti. Si tratta di un’ottima occasione di scambio di saperi e tradizioni tra tecnici e artigiani. Il confronto è alla base di quel costante miglioramento che tutti noi perseguiamo sempre nel nostro lavoro e che auspichiamo per l’intera filiera produttiva dell’arte bianca, e non solo.”

Ecco chi saranno i protagonisti della serata, gli autori che interpreteranno le loro creazioni grazie alla “Farina Oro”, quella amata dai grandi pasticceri e prodotta per loro dal Molino Caputo di Napoli.

Antimo Caputo con Farina Oro a lunga lievitazione - foto di Stefano Renna
Antimo Caputo con Farina Oro a lunga lievitazione – foto di Stefano Renna

Sarà presente una delegazione di alcuni tra i più famosi associati alla prestigiosa ed esclusiva Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani: Sal De Riso, il toscano Paolo Sacchetti, Alfonso Pepe, il palermitano Santi Palazzolo e Salvatore Varriale. Ma anche una rappresentanza della più schietta tradizione dolciaria campana, con la presenza di Sabatino Sirica, presidente onorario dell’Associazione Pasticceri Napoletani. In degustazione, ci saranno le eleganti creazioni di Stella Ricci ma anche di Galileo Reposo, di Antonino Maresca e di Aniello Di Caprio, pasticcere della scuola di formazione Dolce&Salato di Maddaloni.

Dal ricchissimo panorama della ristorazione d’eccellenza campana, troviamo il padrone di casa Salvatore Bianco, Executive Chef de “Il Comandante”, il ristorante che fa del Romeo hotel l’unico albergo di Napoli con ristorante stellato.

Ad accompagnarlo ci saranno Gennaro Esposito, della “Torre del Saracino” di Vico Equense; lo chef del ristorante “Indaco”, Pasquale Palamaro, del Regina Isabella di Lacco Ameno (Ischia); lo stellato Giuseppe Stanzione del ristorante “Le Trabe” della Tenuta Capodifiume di Capaccio Paestum e, ancora da Vico Equense, Vincenzo Guarino, chef del ristorante stellato “L’Accanto”. Le degustazioni saranno accompagnate dai vini di alcune tra le più rinomate cantine nazionali, selezionate per l’occasione: Berlucchi, Ferrari e Bortolomiol.

Un commento

  • Rebby

    (17 dicembre 2015 - 13:23)

    Buongiorno Signor Luciano,

    sara’ stata sicuramente una bella serata soprattutto con il fior fiore di Chefs stellati presenti quella sera. Mi sarebbe piaciuto esserci. Una piccola domanda pero’, come mai non da’ merito anche alla presenza femminile (purtroppo sempre in minoranza) delle chef in gonnella di quella serata? Riconosco nella foto che c’era anche la chef cosi’ detta “vagabonda”, la brava chef stellata Rosanna Marziale. Si dovrebbe partecipare un po’ di piu’ per rendere giustizia alle donne per la loro presenza nell’ambito culinario, non crede? Le donne devono sempre lavorare tre volte di piu per essere riconosciute ed apprezzate,…essendo una cuoca donna so bene di cosa parlo. Che ne dice di collaborare in futuro affinche’ questo avvenga. Sarebbe un bel segnale di stima nelle donne a tutto tondo.

    La seguo sempre con simpatia ma non ho resistito ad inviarle il mio commento. Senza rancore. Buon lavoro Rebby

I commenti sono chiusi.