Riso amaro | Angelo Dario Scotti: dichiara di non usare prodotti campani, ma era stato arrestato per una inchiesta sui rifiuti pericolosi

Letture: 744
Angelo Dario Scotti

Angelo Dario Scotti è il mitico dottor Scotti di Gerry Scotti.
Presidente e ad del gruppo Scotti Riso,è stato agli arresti domiciliari nell’ambito di una inchiesta sulla centrale elettrica della Scotti a Pavia. Secondo l’accusa nella centrale venivano bruciati rifiuti, anche pericolosi, al posto di biomasse. Accusato di corruzione, frode a ente pubblico, frode in forniture pubbliche e traffico di rifiuti.

La cosa curiosa è che una lettera con il suo marchio Scotti, non smentita e diventata virale in rete, dichiarava ai clienti che non usa prodotti campani

Riso amaro

Questa storia ricorda un poco la Pomì
Non ci sono parole per definire queste persone che gettano ombre sul sistema alimentare italiano per un piccolo guadagno sullo scaffale segando l’albero su cui  sta seduto.

25 commenti

  • domenico ocone

    (2 maggio 2014 - 12:48)

    Nessun commento,tanto si può aggiungere,tanto è deprecabile la vicenda.

  • davide mazza

    (2 maggio 2014 - 13:21)

    bella figura di merda

  • ferdy

    (2 maggio 2014 - 13:25)

    loooooottttttttttttttttaaaaaaaaaaaaa tu e tutt pavia

  • Alberto G.Tricolore

    (2 maggio 2014 - 15:27)

    Che grandissima strunzata.
    Questa e’ dimostrazione della grande ipocrisia,vigliaccheria, perbenismo e razzismo strisciante.
    Per reati del genere dovrebbero dare pene di almeno venti anni .Che giurisdizione ridicola.
    Leghisti inclusi…

  • andrea

    (2 maggio 2014 - 15:53)

    Discrimina proprio lui…Nel novembre 2013 fu arrestato, poi ai domiciliari, il presidente del gruppo Riso Scotti (forse quel “Dottor Scotti” della pubblicità), su mandato della Procura di Pavia, che già a novembre scorso aveva sequestrato l’impanto di incenerimento dove sembra non veniva bruciata solo la “lolla di riso”.

    Farabutto e guastatore degli alimenti italiani!

    http://www.mainfatti.it/discariche/Traffico-di-rifiuti-domiciliari-per-Ad-di-Riso-Scotti-Energia-Sporca_036845033.htm

  • Marco Contursi

    (2 maggio 2014 - 17:24)

    Il riso è per chi ten o mal e panza.

    • francesco

      (4 maggio 2014 - 01:17)

      sei un grande ahahahaha

  • giuseppe novi

    (2 maggio 2014 - 17:31)

    Proprio lui che è stato arrestato per frode che discrimina i ns prodotti è una merda lui e chi come lui agisce in questa direzione denigrando la ns regione e chi lavora con amore e dedizione….devono vergognarsi la Scotti,la Pomi e le aziende che la pensano come loro…

  • tommaso messina

    (2 maggio 2014 - 18:36)

    Il riso: è già falso quello sul suo viso!!!!!!!!

  • AGos

    (2 maggio 2014 - 18:45)

    Non commento dico solo una cosa: <>. Il resto non occorre dirlo.

  • Santino

    (2 maggio 2014 - 23:25)

    Dott scotti il suo riso si è scott… o nonostante non sia campano gnurantttttttttttt

  • Paolo

    (2 maggio 2014 - 23:37)

    Bene, ora sappiamo quale riso NON comprare al supermercato!
    e quale non far comprare agli amici…. Passa parola!

  • Giosefatto

    (3 maggio 2014 - 00:19)

    Ma è una notizia falsa….!!!!!!…risale al 2011 ..poi è stato prosciolto,,,cmq era su una presunta tangente…a qualke dipendente dell’ enel,,,si trova tutto,,,su internet,,,
    me ne frego di Scotti, della Campania ,,di Pompei..però sparare minkiate…a caxxo..si fà peccato

    • vania

      (3 maggio 2014 - 22:06)

      anche se la notizia è vecchia io come Paolo non comprerò e consiglierò di non comprare, non è mai tardi per boicottare

    • marus

      (3 maggio 2014 - 22:24)

      proprio per le persone(?) che la pensano come te ci troviamo nella merda. complimenti!

  • Pierfranco

    (3 maggio 2014 - 08:09)

    Non comprerò’ più prodotti scotti. Chiedi scusa e vergognati pubblicamente

    • Antonio (Brescia)

      (3 maggio 2014 - 08:51)

      Il razzismo che cominciava con le prime emigrazioni di uomini e donne del sud degli anni 60, è stato sostituito per quello verso le popolazioni africane. Il nord non ha capito il valore del cambiamento. Un cambiamento che lo ha arricchito, senza arricchire la mente. L’Italia è destinata a scomparire…

  • Gola Profonda

    (3 maggio 2014 - 10:17)

    Il reato contestato è grave e detestabile ed è giusto che venga perseguito e condannato.
    Tuttavia credo che la dichiarazione di non usare prodotti della Campania sia stata resa su esplicita richiesta di qualche catena della Grande Distribuzione all’indomani delle notizie e soprattutto dell’inchiesta di Report sulla Terra dei Fuochi.
    So per certo che tale richiesta è stata inoltrata da quasi tutte le catene ai propri fornitori di prodotti alimentari.
    Sono uomo del sud, ma andrei cauto nell’indignarmi su questo argomento….

  • Giovanni Sgura

    (3 maggio 2014 - 10:18)

    Per ringraziarli della sensibilità non c’è soluzione migliore che boicottare i loro prodotti.
    Non li acquistiamo più, SIAMO CAMPANI.

  • Daniele Barbieri

    (3 maggio 2014 - 19:20)

    Ma che razza di giornalismo è questo?!
    Poco so, e nulla mi importa del dott. Scotti, ma qual è il nesso tra aver dichiarato di non utilizzare prodotti campani (notizia non dimostrata falsa, né di fatto smentita dal vostro articolo), e l’essere stato agli arresti domiciliari per un’accusa differente e non pertinente (e poi prosciolto, a quanto pare)?
    Fosse anche un corruttore il dott. Scotti (ma la magistratura lo ha assolto), questo dimostra che ha dichiarato il falso sui prodotti che usa?
    Perché è “curioso” che abbia dichiarato di non usare prodotti campani?

    Se siete dei giornalisti, io mi vergognerei un po’, al vostro posto. Se avete accuse, fatele. Così come la mettete è pura e semplice calunnia, allusione a cui gli allocchi (che a quanto pare non mancano) abboccano. Lavorate per la concorrenza? Comunque sia, tutto questo è davvero squallido!
    db

  • leo

    (3 maggio 2014 - 19:24)

    Ma siamo sicuri che nel sistema a biomassa si bruciavano rifiuti pericolosi, i quali hanno bisogno di altro sistema????
    Mah ….

  • o Purp

    (3 maggio 2014 - 21:49)

    a facc r’o cazz

  • adina

    (4 maggio 2014 - 00:33)

    mi spiace …ma non credo. Posso credere che ci sono interessi di altri suoi concorrenti che lui vende oppure lascia la sua fetta di mercato ai tedeschi per esempio…oppure ai altri.

  • Luca Nicoletti - Rimini

    (5 maggio 2014 - 10:00)

    Questo è il livello dei nostri industriali. Avete capito perchè si stanno svendendo tutto? Sono degli incapaci.

  • GIOVANNI

    (6 maggio 2014 - 13:08)

    TUTTI PULITI, POI DI NASCOSTO ENTRANO NEI NEGOZI PER ANIMALI A COMPRARSI LA POLVERE PER LE ZECCHE:
    MORALE, IL PIU’ PULITO HA LA ROGNA!!

I commenti sono chiusi.