POST IN PROGRESS| La più completa Guida alle migliori pizzerie di Napoli, Caserta e della Campania: 200 locali visitati e raccontati nel cuore della pizza più trendy del mondo

13/1/2018 17.2 MILA
Pizza Village: il Vesuvio dal lungomare di Napoli

Pizzerie napoletane? Ecco finamente la guida che raccoglie le nostre visite. Non potete trovare niente di meglio sul web: ogni pizzeria è stata visitata una o più volte nel corso degli anni.

_______
NAPOLI
_______

Ciro Salvo. Montanara dolce

50 KALO’
Piazza Sannazzaro 201

Tel. 081.19204667
Sempre aperto
Siamo nella ex sede del Sarago, mitico locale della piazza, ma gli spazi si sono allargati anche ad angolo su via Mergellina. Un successo che si conferma sempre più solido con il passare del tempo. Ciro Salvo, figlio d’arte e da sempre impegnato nella ricerca sull’impasto, propone una pizza tradizionale napoletana di grande qualità, ben lievitata in un quadro di proposte ampie e sempre interessanti in cui la ricerca dei prodotti di qualità resta un must. Da non perdere anche i fritti. Tutto in una cornice costituita da un servizio attento, una buona crta delle birre e una delle più interessanti carte dei vini.

ACUNZO

Via Cimarosa, 60-62

Tel. 081.5785362
Chiuso domenica
Un vero pioniere al Vomero, fondato negli anni ’60, da sempre il locale è uno dei riferimenti degli amanti della buona pizza per chi abita in questa parte della città . Un po’ di cucina, ma soprattutto la pizza, ovviamente, preceduta dai fritti in cui la famiglia è specializzata da tempo con una friggitoria a parte. Una pizzeria che si è distinta sempre per proposte originali, qui è stata fatta per la prima volta la pizza con la genovese e ora si sta rinnovando nello stile della pizza. Buoni vini campani e servizio accogliente e professionale. Non mancano piatti della tradizione eseguiti con cura. Collegata è la storica friggitoria proprio di fronte alla funicolare che ha nutrito intere generazioni di vomeresi.


ADD’O GUAGLIONE
Via Consalvo, 110

Tel. 081 5936357
Chiuso martedì
Molte pizze portano i nomi dei giocatori del Napoli che spesso sono andati, e vanno, a via Consalvo per mangiare la pizza di Salvatore Urzitelli. Una vita sempre vicino al forno: a 18 anni ha aperto il suo primo locale e da allora si è anche misurato partecipando a molte gare nazionali e internazionale. Non pochi i trofei che è riuscito a portare. Nel locale completamente ammodernato proverete le pizze alla Cannavaro, la cresta di Hamsik, la Cavani e la Lavezzi. Ma anche, intendiamoci, ottime margherite e marinara. Una tipica pizzeria di quartiere impegnata nel suo lavoro quotidiano senza grilli per la testa e fuori dal circo mediatico.

 

Al 22
Via Pignasecca, 22

Tel. 081.5522726
Chiuso domenica
Oggi c’è Giuseppe, figlio di Federico Improta, pizzaiolo di antica leva della Pignasecca. Pizze profumate, fumanti, appena cotte nel forno a legna della bottega di famiglia, che fu fondata nel 1935 dal nonno di Gianni.  Si parte con la frittura alla napoletana della casa, quindi “rigorosamente” non surgelata, con bruschetta al pomodorino. Tutto preparato a mano e ad arte, secondo la tradizione popolare partenopea che ha nella Pignasecca una scuola incredibile e ancora molto attuale. Non mancano piatti della tradizione: da provare, tipiche e buonissime, le parmigiane di melanzane cotte nella tiella di coccio e il tiramisu artigianale fatto in casa, una vera e propria rarità in città. Tra le pizze, ottima la marinara grazie ad un pomodoro molto ben selezionato. Classica la margherita, eseguita alla perfezione.

 

ALBA
Piazza dell’Immacolata, 14

Tel. 081.5787800
Chiuso mercoledì
Fondata nel 1970 dal papà di Luigi Chiarolanza questa è una delle pizzerie popolari del Vomero. Qui trionfa il senso della semplicità e della pura tradizione pizzaiola napoletana. Basta dare uno sguardo al menu che si coglie immediatamente il senso delle cose buone. Dai fritti ben eseguiti come i crocchè e gli arancini al calzone ripieno. Impeccabili la Marinara e la Margherita. Golosità garantite. Variazioni consentite con la Boscaiola e la Carrettiera. Carta dei vini adeguata così pure quella delle birre nazionali. Insomma qui ci si sente a casa propria e ci si può sedere per una pizza a pranzo come per una piccola cena in famiglia. È sempre calda l’accoglienza dei prorpietari come del personale in sala.

 

ANTICA CANTINA DEL GALLO
Via Telesino, 21
Tel.081.5441521
www.cantinadelgallo.com
Chiuso a pranzo la domenica

La Cantina del Gallo nasce nel 1820 con Domenico detto Minigone. Di generazione in generazione l’attività è andata avanti con successo nel Quartiere Sanità, una delle anime più profonde e più tradizionaliste della città. Dovete cominciare sicuramente con la frittura, a partire dai pizzicotti (calzoncini di pasta ripieni) che apre lo stomaco ai grandi classici, dalla marinara alla margherita, a quella con il baccalà. Buono anche il repertorio di cucina, tipicamente napoletano dove, oltre ai primi di tradizione, ritroviamo un ottimo baccalà al forno. Buonissimo il ripieno. Oggi il locale è gestito da due generazioni della famiglia Pagnani, venire qui sigfnifica respirare l’aria della Napoli più autentica e lontana dai circuiti turistici e dei gastrofichetti.

 

BENVENUTI AL SUD
Pizzeria Benvenuti al sud Napoli
Corso Vittorio Emanuele 9/11
Tel.081 1934 9334

Corso Secondigliano, 80144
tel. 39 081 038 0851
Chiuso domenica

Siamo nell’ex trattoria della famiglia Vinci, ristrutturata con l’idea di riproporre una pizzeria napoletana dell’800. Immagini da cartolina e pizza moderna, lavorata molto bene anche con il forno a gas, una modalità di cottura su cui l’Associazione Verace Pizza ha iniziato a dare la propria certificazione. La famiglia Fusco non ha tradizione di pizzaioli, da sette anni il padre dei due gemelli Danilo e Mirko, Claudio, ha riconvertito la sua attività prima aprendo a Secondigliano, poi a Mergellina. Molto buona anche la pizza fritta, in questo caso con il pomodoro come si usa vicino piazza Garibaldi.
La pizzeria affianca una cucina casalinga ricca di gusto con proposte classiche.

 

BRANDI

Salita Sant’Anna di Palazzo, 2

Tel. 081.416928
www.brandi.it
Chiuso lunedì

Anche su questo la città si divide, ma resta un dato di fatto: Brandi ha imposto a tutti il fatto che la margherita sia stata inventata nel 1889 da Raffaele Esposito, diventato ancora più famoso del fondatore di questo locale, Pietro Collicchio, aperto dalla fine del ‘700. La storia narra che fu battezzata così in onore della regina Margherita di Savoia per i tre colori della bandiera italiana.. Oggi è raddoppiato e gestito da due generazioni dalla famiglia Pagnani. Resta un riferimento per la margherita, noi però vi consigliamo anche il ripieno e la marinara. Da provare le fritture e anche un poco di cucina, magari seduti sui tavolini del caratteristico vicolo che affaccia su Chiaja e che sono sempre occupati da tanti turisti attratti dalla leggendaria figura di Raffaele.

 

CAFASSO
Via Giulio Cesare, 156
Tel. 081.2395281
Chiuso domenica

Aperta come Capasso nel 1052 a Fuorigrotta, diventa Cafasso, e con il locale tutta la famiglia, a causa di un errore burocratico nella trascrizione del cognome. Aneddoti a parte, la tradizione c’è e  si sente: c’è un po’ di cucina classica, ma soprattutto la margherita e il ripieno di scarola che sono imperdibili. Il locale fu fondato da Giuseppe Capasso con la moglie Elena Gonzales. Attualmente in mano al maestro pizzaiolo Ugo Cafasso, degno erede delle tradizioni di famiglia, lo stesso che con i fratelli Antonio e lo scomparso Rosario, ha condotto la pizzeria fino ai nostri giorni. Buone le varianti con provola o con il filetto di spada affumicato. Qualche vino campano e atmosfera d’antan rassicurante fanno di questo luogo un posto da conoscere quando siete a Fuorigrotta.

 

CAPASSO
Via Porta San Gennaro, 2

Tel.081.456421
Chiuso martedì sera

Un sicuro riferimento a Porta San Gennaro che da oltre cento anni ospita la pizzeria Capasso. Adesso al forno, con Vincenzo, 26 anni, si cimenta la sesta generazione di pizzaioli. Nel 1847, a cominciare era stata la nonna Adele, al Vasto. Ormai da anni la famiglia vive da protagonista il quartiere di via Foria. Il capofamiglia è Vincenzo Capasso, 86 anni, e chi non è della zona potrebbe già averlo visto al cinema: ha prestato volto e portamento al don Raffaè di Turturro nel musical “Passione”. Buone le pizze, tradizionale la cucina, imperdibile la pizza ‘a libretto sempre pronta sul bancone. Un luogo dove si respira l’autentica aria di quartiere.

 

CARMNELLA
Via Cristoforo Marino 22/23 (Zona Galileo Ferraris)

Tel. 081.5537425 – 339.2613464
Chiuso domenica
Salvatore Esposito per lungo tempo è stato pizzaiolo al Trianon poi decise, insieme a sua moglie Carmela, di trasferire qui, nella trattoria di nonna Carmnella, la sua arte e chiese al famoso Mastro Ernesto di costruirgli il bel forno che ancora arde. E ora, tra bancone e sala, c’è il figlio Vincenzo. La scuola è quella, ma dall’impasto agli ingredienti, tante cose sono cambiate. Ricerca e passione hanno recuperato il meglio della tradizione cosicché tra una bella Marinara e un’Ortolana da non perdere è la Pizza dei Tre Desideri. Mette insieme Margherita al centro, Salsiccia con Friarielli in una metà del cornicione; cicoli e ricotta di fuscella nell’altra metà a mo’ di ripieno. Mitica è ormai la Elena Ferrante con il Rraù. Si beve birra italiana, ma c’è anche un vinello. A pranzo c’è buona cucina: non manca pasta e patate e neppure la genovese. Provate il gattò, non sarete delusi. Da non perdere se siete nei pressi della stazione.

 

CASTELLANO LE PIZZE DI LUCA
Viale dei Pini 25 Colli Aminei

Tel. 081.7418243
Aperto sempre

Gianni Castellano ha lasciato fare a Luca, il figlio. E così tutto è cambiato in questa pizzeria che prima si chiamava Pizzazà. C’è ancora il vecchio grande bancone con il marmo bianco. Ma c’è tanta aria nuova. Lo si nota nel menu dove accanto alle classiche Margherita e Marinara trovi tanta fantasia e noti soprattutto tanta ricerca . Ci sono i migliori prodotti Dop campani e i Presidi Slow Food a garantire l’eccellenza gastronomica. E poi ci sono le mani di Luca che trasformano semplici panetti in pizze  belle a vedersi, dal cornicione alto e areato, dal cromatismo vivace e dal gusto pieno, goloso. Buona la carta dei vini e delle birre artigianali. Ci sono anche dei buoni dessert per concludere il pranzo o la cena.

 

CIARLY
Piazzale Vincenzo Tecchio, 35/36

081 239 6137
Chiuso domenica sera

Siamo vicini allo stadio San Paolo, proprio a ridosso della Mostra d’Oltremare. L’ambiente è pop, una tipica pizzeria con forno a vista. La modernità entra nel piatto grazie all’impegno del pizzaiolo patròn Raffaele Bonetta. La sua pizza è leggera, buona e digeribile. Davvero ormai la qualità si trova in maniera diffusa in tutta la città, in pochi anni lo scenario è completamente cambiato. Lo stile è quello dei gommoni, con il cornicione alto e soffice. Ottima la pizza fritta, buono il ripieno, ben eseguite le fritture. Da provare anche la quattro formaggi. Servizio professionale e veloce. Non mancano piatti cucinati.

 

CILEA
Via Francesco Cilea, 3
Tel. 081.19321930
Sempre aperto

I piedi del ponte di via Cilea, c’è uno dei baluardi della pizza vomerese: la pizzeria trattoria Cilea, nata nel febbraio del 1955 quando il Vomero era un’area residenziale con poche case. Un locale piccolo dove l’atmosfera è molto informale, si respira aria di vecchia Napoli. La margherita e la salsiccia e friarielli completano una cucina da trattorie semplice e verace, di sicuro effetto con il sapore deciso e preciso, ancestrale e oltre ogni moda. Per molti è stato anche un dopo teatro.  Da non perdere le fritture, ben eseguite, tra cui i fiori di zucca oltre ovviamente al tripudio del repertorio napoletano: crocché e arancini.

 

CIRO AL BORGO DEI MARINARI
Via Luculliana, 29-30
Tel.081.7646006
Chiuso mercoledì
Dove andare a Borgo Marinari se si è a caccia di una buona pizza? Qui sicuramente può essere un riferimento sicuro. Si tratta di un locale che ha scritto la storia della buona ristorazione napoletana a partire dal Dopoguerra. Nello splendido Borgo finalmente restituito ai pedoni, il ristorante degli Stendardo propone alcune pizze classiche molto ben eseguite, buone e belle da mangiare. Non manca, ovviamente, la Pescatora con i frutti di mare. Una pasta sottile classica, bel lievitata e un cornicione ben alveato sono le caratteristiche di questa pizza a pelo d’acqua che regala sempre emozioni romantiche. Buoni vini campani e birre nel bicchiere.

Antonio Pace seduto al suo tavolo preferito fotomonicapiscitelli

 

CIRO A SANTA BRIGIDA

Via Santa Brigida
Tel. 081.5524072
Chiuso domenica
Ecco uno dei più classici e accorsati dopo teatro della città, gestito con equilibrio e professionalità da Antonio Pace, erede di una luga tradizione familiare.  Non c’è artista del ‘900 che non sia passato qui, da Toscanini a D’Annunzio, da Pirandello alla Loren: per tutti è sempre stata una tappa obbligata. Uno di quei locali che hanno sdoganato la pizza al centro della città oltre la consuetudine popolare. Ristorante con buoni piatti di tradizione, ricordiamo per tutte la genovese. Ma soprattutto  pizzeria, tanto da essere promotore e poi presidente dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, che ha ha disegnato un disciplinare e soprattutto segnato le coscienze di chi fa questo lavoro. Oltre le classiche, i fritti e la Pizza d’oro con mozzarella, pomodoro e olio a crudo.  Buoni vini campani e birre.

 

CIRO PELLONE
Via Mario Gigante, 94-96
Tel.081 5934104

Chiuso lunedì
S
iamo alla Loggetta, un piccolo quartiere vicino lo Stadio San Paolo, qui dal 1984 è aperta la pizzeria Pellone. Come tante dinasty della pizza c’è la moltiplicazione dei locali con la maggiore età dei figli. Il nonno aveva lavorato al Trianon, grande scuola di pizzaioli del Dopoguerra, poi all’apertura di Pellone a via Nazionale e successivamente si era aperto un proprio spazio. Nel 1984 il figlio Ciro apre questo locale alla Loggetta, all’inizio solo asporto, poi con i figli Marco e Antonio, che si alternano al forno e in sala, ci si è allargati e si lavora per il quartiere. Buona pizza tradizionale classica, ottimi fritti.

 

CONCETTINA AI TRE SANTI
Via Arena alla Sanità 7 bis

Tel. 081 290037
Chiuso domenica sera

Concettina Oliva nel 1951 aprì la pizzeria proprio qua, ai Tre Santi. Vicino all’ edicola dove era venerata la Madonna insieme a Sant’Anna e San Vincenzo: i tre Santi appunto. E qui Ciro Oliva pizzaiuolo ventenne, figlio di Tonino, pronipote di Concettina sta scommettendo alla grande. Nuovo look del locale, curato da Pasquale Neutro, nuova area interamente dedicata alla friggitoria e all’asporto. Nuova aria anche al banco e presso il forno. Materie prime scelte tra le eccellenze della Campania: dalle farine al Pomodoro San Marzano Dop, al Pomodorino del Piennolo del Vesuvio dop, alla Mozzarella di Bufala Campana, agli oli. Una scelta coraggiosa che cambia radicalmente l’impostazione del locale. Adesione tenace alla tradizione della pizza napoletana, ma più attenzione al gusto e agli aspetti legati alla sana nutrizione e alla salute del consumatore cliente. I risultati sono evidenti.

Attilio Bachetti
Attilio Bachetti

 

DA  ATTILIO
Via Pignasecca, 17

Tel. 0815520479
Chiuso domenica

Attilio Bachetti in verità è il nome del nonno che aprì il locale nel 1938, ma anche lui, il pizzaiuolo, si chiama così. Era poco più che ragazzino quando suo papà Mario, mancando, gli lasciò la trattoria. Nessun problema: insieme a mamma Maria, che tuttora governa la sala e tiene la cassa, si mise sul banco e cominciò a far pizze. Calzone per cominciare: soffice asciutto senza traccia di unto e goloso per i cicoli e la ricotta. Anche tre possono gustare il panzarottone di patate provola e friarielli. Bello a vedersi, succulento a mangiarsi. E poi la mozzarella in carrozza, gustosa come non mai, e la frittatina di maccheroni. Oggi è un mago dell’impasto, lievitato più di un giorno, soffice, saporito. Nel forno gioca ancora con le pampuglie per ravvivare la fiamma. Di gran gusto. Come vorresti, come ti aspetti da una vera popolare pizza napoletana.

 

DA CARMINIELLO
Corso Secondigliano, 350
Tel. 081.7540037
Chiuso domenica

Ecco una pizza buona conosciuta solo dai napoletani veraci, in attività dal 1910, quando fu fondata da Carmine De Lucia, prozio dei titolari. La famiglia è il nucleo attorno al quale è costruita l’attività ogni giorno sino al tardo pomeriggio. Buona la Vesuvio, ripieno, la pizza fritta è un must da non perdere in città. Sfizioso il cuoppo con crocché e paste cresciuta. Immancabile la pizaa a libretto ben esposta da mangiare in strada scottandosi le dita. Si tratta di uno stile tradizionale, veracemente napoletano, un luogo del gusto per chi ha voglia di cose semplici e non costruite. Un presidio di seria professionalità in un quartiere non facile ma ricco di tradizioni. Come questa autentica pizzeria di quartiere.

 

DA ETTORE
Via Santa Lucia, 56
Tel. 081.7640498
Chiuso domenica
Alle spalle dei grandi alberghi e della Regione, il locale fondato nel 1936 da Ettore Canale propone una pizza margherita classica. L’ambiente è quello tipico della trattoria napoletana con tavolini all’aperto nella buona stagione e servizio rapido e professionale. Un riferimento sicuro per tanti impiegati della Regione a Palazzo santa Lucia, ma anche dei Grandi Alberghi. A due passi da Piazza Plebiscito. Piatti della tradizione, un fritto goloso da non perdere, ottimo anche il calzone. Irrinunciabili i pagnottielli ripieni di ogni cosa, dalla parmigiana ai friarielli con la salsiccia. Da devozione marinara e margherita.

 

DA GAETANO
Via Casanova, 109

Tel. 338.6038618
Chiuso la domenica

Sicuramente tra i locali più amati in rete, sempre in testa alle classifiche e  nelle segnalazioni che vengono seguite con attenzione come in pochi altri casi in questa città. Ma oltre che sul piano virtuale, la pizza Da Gaetano è anche molto buona. Siamo vicino Porta Capuana, non lontano dalla stazione: bell’ambiente rustico, personale cordiale e affiatato, soprattutto buone esecuzioni e un servizio rapido che accorcia i tempi di attesa. Sicuramente la pizza preferita che spopola è la margherita, ma anche la pizza fritta e il ripieno sono entrambi squisiti e incredibilmente leggeri. Aperto tutto il giorno, ambiente semplice ed essenziale tipico dlele pizzerie napoletane.

 

DALLE FIGLIE DI IORIO
Via Conte Olivares 73

Tel. 081.5520490
Aperto sempre

Lo slargo di via Olivares sta tra Piazza Bovio e Via De Gasperi. Pochi posti a sedere. A pranzo cucina napoletana di servizio con il forno sempre acceso. La sera solo pizza con sfizi. Tanta allegria e simpatia. È la cifra di Teresa e del suo pubblico di fans. Lei ammacca e frigge ed è una delle poche vere pizzaiole che tra il bancone e il forno. La montanara si consiglia. È speciale perché va in forno nel ruoto e diventa bella croccante. Le pizze sono tutte di taglia XL, cuoè a ruota di carro e rispettano nella sostanza e nel gusto la piena tradizione napoletana.  C’è del buon vino e qualche birra.

Alessandro Condurro nella Antica Pizzeria da Michele
Alessandro Condurro nella Antica Pizzeria da Michele

DA MICHELE
Via Cesare Sersale 1-3
Tel. 081.5539204
Chiuso domenica (maggio e dicembre sempre aperto)

Per molti napoletani è la vera pizzeria, quella dalla quale non si può prescindere. E in effetti margherita e marinara a ruota di carro sfornate in successione impressionante fanno atmosfera. La storia parte da Michele Condurro cinque generazioni fa, forse nel 1836. Ora portata avanti da Antonio, Francesco Michele e Sergio all’insegna della tradizione rigida ed eterna: oltre le due tradizionali c’è anche la cosacca, probabilmente pensata in onore dello zar Nicola II in visita a Napoli. Impossibile dire che siete stato a Napoli se non siete mai passati da qui perché fotografa il gusto così come si è formato soprattutto nel Dopoguerra, quando l’olio di semi portato dagli americani fu adottato da tutte le pizzerie perché più facilmente reperibile ed economico.

 

DA PASQUALINO
Piazza Sannazzaro, 77-79
Tel.081.681524
Sempre aperto

Da sempre questa piazza è stato il crocevia di trattorie e street food napoletano. Il locale è trai più antichi della città, fondato nel 1898 da Pasquale De Lucia. Si parte dunque con un sauté di frutti di mare o con la zuppa di cozze in puro stile anni ’70 per poi provare la bella margherita. Molto buoni anche il ripieno e la marinara. Il servizio è rapido, familiare, divertente e divertito. Lo stile della pizza è di tipo tradizionale, senza fronzoli, saporito ed essenziale. Un esempio autentico di pizzeria di quartiere, alla base della forza gastronomica di questo cibo a Napoli.

 

DE FIGLIOLE
Via Giudecca Vecchia, 39
Tel. 081.286721
Chiuso domenica

Da provare il classico cicoli e ricotta…. ma la geniale e divina connessione tra palato ed eestasi avviene con la fusione di due piatti napoletani doc: la pasta della pizza fritta e il ripieno della zuppa di soffritto. Già, perché l’unica scelta possibile qui è la mitica pizza fritta, ossia la madre di tutte le pizze perché nasce dalla tradizione di mettere un calderone pieno di olio fuori la porta e vendere il primo street food metropolitano della storia ai passanti. Il locale del Vasto apre nel 1860.  Si  passa dlala versione base alla Chicchinese piena al Piscitiello, un mezzo calzone da rfarcire a piacere. Il locale è un po’ disadorno, confusionario per chi viene da fuori,  ma la pizza è commovente: gustosissima, fragrante, perfetta. L’impasto è leggero e soffice, la pizza gonfia, fritta alla perfezione, mai unta.

Pizzeria Di Matteo, Napoli
Pizzeria Di Matteo, Napoli

DI MATTEO
Via dei Tribunale, 94


Tel.081.455262
Chiuso domenica (maggio e novembre sempre aperto)

www.pizzeriadimatteo.it

L’unica cosa di cui dovete fare il pieno prima di venire qui è la pazienza perché i tempi di attesa sono quasi sempre lunghi. Ma ne vale la pena perché è qui si mangiano pizze e fritti tra i migliori della città. La storica pizzeria fondata negli anni ’30 da Salvatore Di Matteo è infatti un punto di riferimento per quanti vogliano conoscere la pizza napoletana classica e tradizionale. Oggi è il figlio Nicola a portare avanti l’attività. Ripieno con la ricotta e il salame da incorniciare, oppure scegliete la pizza fritta, le fritture e, ovviamente, la margherita a libretto. Tra le fritture segnaliamo tra le migliori frittatine della città, imperdibili anche gli arancini. Servizio non manieristico, sbrigativo ed essenziale, come in tutte le autentiche pizzerie napoletane.

 

DI NAPOLI
Via Marc’Antonio, 31
Tel. 081.2396942
Chiuso domenica a pranzo e martedì

La tradizione nasce con Alfonso Di Napoli, tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900. Grande e famoso cuoco, serviva la nobiltà direttamente dalla cucina di via Poerio alla Ferrovia, denominata già allora “Pizzeria Di Napoli”. Suo figlio Giuseppe poi, divisosi nel 1945 dal fratello Pasquale, decise di trasferirsi a Fuorigrotta in una traversa di viale Augusto uno dei luoghi cult della quartiere, sempre pieno, aperto nel 1945. Gennaro di Napoli è sempre qua dentro, cura lievitazione e materie prime con pignoleria: dalle pizze ripiene chiamate Tris Sostar e Fantasy farcite con ogni cosa, dai formaggi alle verdure, alla margherita classica molto ben eseguita. Ottimi i crocché ancora preparati a mano. Qualche vino campano.

 

ECCELLENZE CAMPANE
Via Brin 49

Via Partenope 1B
Tel. 081.5636303
Aperto sempre
Chiuso mai

Un riferimento assoluto alle porte della città e sul lungomare dove secondo il nostro giudizio è la migliore. Pizze di tradizione, essenziali, come dimostra soprattutto la Marinara, un piccolo grande capolavoro di semplicità. Poi ci sono le pizze fritte di una levità infinita, che non lascia mai deluso chi ricerca golosità e leggerezza allo stesso tempo. La Mastunicola, con sugna, cacio e basilico soltanto è da non perdere. Ma tutto qui è buono, anche perché, nonostante la formula del servizio non sia proprio quella della classica pizzeria.

FORTUNA
Via Pasquale Stanislao Mancini 8
Tel. 081205380
Aperto dal lunedì al sabato a pranzo e a cena

La storia della famiglia Coccia nasce qui, alle spalle di piazza Garibaldi. Prima trattoria, poi negli anni ’70 solo pizzeria, gestita da Antonio e sua moglie Dora- E’ così che si formano i fratelli Coccia: Enzo, Carmine, Ciro e Salvatore. Ad occuparse adesso è Ciro. La pizzeria lavora molto con l’asporto, una margherita a portafoglio costa ancora 1,50 euro, con questa ed un crocchè o un arancino, hai sicuramente soddisfatto la pausa pranzo quotidiana. All’interno del locale, al piano terra, l’ambiente dà l’impressione di com’era una volta, ci sono alcuni tavoli, il forno ed il banco delle pizze, alle spalle la cucina. Vince la tradizione, una pizza imperdibile.

FRANCO
Corso A. Lucci 195

Tel. 081. 5541892
www.ristorantepizzeriafranco.it
Aperto sempre

Prima c’era la mamma Maria Calabrese ad ammaccare le pizze dietro al bancone, ora c’è il figlio Franco che ha trasformato un po’ la tradizione di famiglia studiando nuove tecniche degli impasti e orientando la scelta delle guarnizioni verso le migliori materie prime campane. Nascono così delle pizze  golose e buone, ma soprattutto soffici e morbide. C’è la Marinara con le alici fresche da non perdere. E c’è pure la tradizionale quattro Stagioni che ha la caratteristica di avere in uno dei suoi quattro pizziconi i frutti di mare e i crostacei. Fiordilate di Agerola sulla Margherita, ma a richiesta pure la mozzarella di bufala. Adeguata la carta dei vini e quella delle birre. E per dolce babà

 

FRESCO
Via Partenope, 8
Tel. 081.6582823
Sempre aperta

L’apertura è recente, 2009, ma l’esperienza di Alfredo Forgione è pluridecennale. Il pizzaiolo con la cravatta è stato anche insignitio del titolo di Cavaliere della Repubblica da Napolitano. Qui, di fronte a Capri, mangiate buoni piatti di pasta espresso, fritture, e tante pizze in cui c’è davvero cura per gli ingredienti: la margherita e a marinara, ma anche quella con Salsiccia e friarielli. Molto buoni anche i formati mignon e il ripieno farcito con dolcissima ricotta. Un presidio decisamente intereressante che ha avuto il merito di riqualificare la proposta del lungomare che purtroppo non sempre è all’altezza di quella che deve essere la pizza a Napoli.

 

Antonio Troncone
Antonio Troncome a Termini

 

FRESCO CARACCIOLO
Via Caracciolo 14 B
Tel. 081 0511200
Sempre aperto

Una delle aperture dell’anno a Napoli centro: bellissima pizzeria su due piani con forno e piano lavoro a vista, grande carta dei vini e delle birre e un’offerta poliedrica che va dalle insalate alle cartoline, piccole pizze rettangolari con abbinamenti gourmet sino alla vasta proposta dei grandi classici. Dalla margherita alla marinara, con grande attenzione ai prodotti Slow Food che è partner nel recupero di un antico pomodoro sannita. Il timone è affidato ad Antonio Troncone, pizzaiolo di lungo corso e di esperienza, poco protagonista mediatico, per molti anni a bottega da Enzo Coccia. Fritti ben eseguiti. Ma soprattutto grande materia prima.

 

GIU’ GIU’
Via Andrea d’Isernia 29
Tel. 081.7613346
Aperto sempre

Tommaso Mastromatteo è istruttore pizzaiolo per l’AVPN Associazione Verace Pizza Napoletana. È stato a Parigi in una delle pizzerie di Rebellato. E poi a Vicino Oslo in Norvegia a Kristiansand. Qui è stato un paio di anni a governare la pizzeria a Villa Marina. Una bella esperienza che si è conclusa e che continua alle falde del Vesuvio.
Metodo e lavoro discreto. Queste le cifre del pizzaiuolo. Ovvio che la pizza è tra quelle tradizionali. Disco sottile, cornicione accennato, taglia L. Con una marcia in più.
La leggerezza dell’impasto che la rende morbida, scioglievole, non comune. Il locale, nel cuore di Chiaia, è anche ristorante

 

GORIZIA 1916
Via Bernini, 29-31

Tel. 081.5782248
Sempre aperto

Leggi Gorizia ma si pronuncia pizza al Vomero perché è stata aperta quando questa era ancora un meravigliosa collina verde con vista sul Golfo. Nel 1916 era un fuoriporta immerso nel verde. Il nome si deve al fatto che in quei giorni Gorizia fu liberata dagli austriaci. Adesso i locali della famiglia Grasso sono un punto di riferimento per la borghesia che abita nel quartiere in parte liberato dal traffico e restituito ai pedoni. Ovviamente la margherita e il ripieno classico, da segnalare la romana con pomodoro e acciughe. Vini campani, cucina espresso della tradizione servita in  modo attento e professionale.

 

I DECUMANI
Via dei Tribunali, 58
Tel.081.5571309
www.pizzeriaidecumani.it
Chiuso lunedì

Siamo sempre nella strada dello pizza dove lavorano tanti locali famosi in tutto il mondo, in questa pizzeria oltre alle tradizionali  margherita e marinara troverete la quadrata con il cornicione ripieno di ricotta, i crocché, sfizioserie come gli angioletti dolci (bastoncini di pasta fritta con cioccolata come i churros spagnoli). Imperdibili anche i fritti. L’attesa è un po’ lunga ma il sacrificio è ben ripagato con un’ottima pizza. Tutti i fritti meritano un assaggio, la soluzione migliore sarebbe prendere prima la pizza per assaporarla al meglio e poi, se ci riuscite, proseguire con i fritti altrimenti arriverete già sazi al momento della pizza. Il servizio è velocissimo ma attento, l’obiettivo è sbrigare la fila al più presto.

JOHNNY TAKE UE’
Corso Vittorio Emanuele 84, Napoli
Tel. 0817618861
Aperto a pranzo e a cena

Nel 2012 Giovanni Kahn Della Corte inizia a dar vita al suo progetto: quello di installare un forno a legna su un Apecar, con marchio Made in Naples. Dopo il boom di successi riscontrato con questa idea e dopo l’apertura di vari locali in Italia…lo scorso anno a Corso Vittorio Emanuele 84 in Napoli, Giovanni ha dato vita a Johnny Take Uè, una struttura dove poter gustare piatti di pizzeria e cucina d’eccellenza, con ingredienti di prima qualità selezionati con cura. Johnny Take Uè è una pizzeria trendy, giovane, lo si può capire sin dall’arredamento: le sedie sono quelle delle aule scolastiche per creare un’atmosfera giocosa. Per richiamare quella che è stata l’idea del titolare, in tutti i locali è presente una Apecar, come richiamo dello street food napoletano. Ad oggi le pizzerie a marchio Johnny Take Ue’ sono quindi oltre che a Napoli a Milano, Serravalle ed in prossime aperture L’Aquila e Venezia.

IL FIGLIO DEL PRESIDENTE
Via Duomo, 181-183

Tel.081.0330913

Chiuso lunedì (mai a maggio)
 Gigi Cacialli, il più giovane dei figli del mitico Ernesto, ha aperto questo suo spazio in Via Duomo, in stile rustico e popolare. Una tradizione di famiglia che è destinata a continuare grazie al nipotino Ernesto, già bravo a far volteggiare la pizza in aria e a infornare. Qui proverete le classiche esecuzioni della scuola di famiglia, a cui si aggiungono sfizi vari, buoni fritti, le classiche margherite e marinare. C’è poi anche quella intitolata al padre con salame Napoli, funghi e pomodorini o la Positano con mozzarella e olio extravergine aggiunto a crudo.

 

I MAESTRI PIZZAIOLI
Fratelli Abbate
Via Cassano 75 (Zona Capodichino)
Tel. 081.7382835
Aperto sempre 
Chiuso mai


Ci sono pizzerie che riconosci subito, già quando entri. Sono quelle autenticamente popolari, sempre affollate, anche in un giorno qualsiasi della settimana, aperte di giorno e di notte. Sono al servizio della gente del quartiere e del resto della metropoli. I fratelli Enzo e Gaetano Abbate, insieme ai figli, sono aperti per questo. Due sale comunicanti, ampie con i tavoli ricoperti dalla tovaglia quadrettata giallo verde. E uno spazio all’aperto con il muro di cinta affrescato. La dinasty ha aperto bottega negli anni cinquanta con il capostipite Cosimo famoso per la pizza aùmma aùmma . C’erano sopra olive nere e capperi con tanto origano. Qua troverete pizze particolari: quella nel ruoto, la Marinara con pecorino saporita e golosa, e quella fritta nel forno, ripiena di cicoli e ricotta. Poi c’è la Luciana con il polpo verace. Vini e birra ci stanno e pure il calzone col cioccolato.

LA CANTINA DEI MILLE
Piazza Garibaldi 126 Napoli
Aperto a pranzo e a cena
Tel. 081 283448

Massimo e Pasquale Sammarco gestiscono questo locale creato nel 1972 dal loro papà, Gennaro. Infatti il primo nome era “Da Gennarino”. Negli anni Novanta, la famiglia Sammarco ha deciso di modificare il nome in “La Cantina dei Mille” in riferimento al personaggio a cui è intitolata la piazza in cui si trova. Nasce come ristorante, ma dopo alcuni anni I Sammarco aggiungono anche la pizzeria, per soddisfare la richiesta continua dei propri clienti. Oggi il pizzaiolo è Angelo Cerullo: soffice e morbida la sua pizza, non perdetela.

Maria Cacialli al forno romano del mercato di Neapolis

LA FIGLIA DEL PRESIDENTE
Via del Grande Archivio, 23-24

Tel.081.286738
www.lafigliadelpresidente.it

Chiuso domenica (mai a novembre e dicembre)
Maria, la figlia di Ernesto Cacialli, ha aperto la sua pizzeria con il marito Felice Messina. Una vera dinasty che conserva e rilancia la tardizione, dalle classiche esecuzioni sino alla friggitoria con crocché, scaglie di polenta (scagliuozzi) e arancini. Da non operdere il calzone fritto e il ripieno dedicato al papà. Davvero è molto suggestivo provare queste pizze nelle due sale sotto il livello stradale dove si respira l’aria antica di un’arte secolare e quella della città più autentica. Negli ultimi anni Maria rilancia la memoria del padre e ha centrato la sua attenzione sulla qualità dei prodotti. Il suo nome viaggia lontano, in Corea in una serie di pizzerie che portano la sua immagine.

 

Enzo e Cristiano Piccirillo
Enzo e Cristiano Piccirillo

 

LA MASARDONA
Via Giulio Cesare Capaccio, 27

Tel.081.281057
Sempre aperto

La tradizione della pizza fritta dura e pura, così Enzo Piccirillo porta avanti della nonna, soprannominata Masardona (il termine indica i portatori di messaggi tra briganti) insieme alla moglie Carmela. Buonissima quella bianca con i cicoli, da provare la margherita fritta e il ripieno di scarola. A Pasqua si sfornano i tortani, nel fine settimana da provare le frittatine di pasta. L’arte del rustico qui è di casa, come pure la tradizione di abbinare a questi fritti il Marsala che adesso Enzo si fa confezionare apposta. Siamo a due passi dalla stazione di piazza Garibaldi, una prima tappa imperdibile per qualsiasi pizza tour degno di questo nome.

Enzo Coccia Pizzaria La Notizia
Enzo Coccia Pizzaria La Notizia

 

LA NOTIZIA E ‘O SFIZIO D’’A NOTIZIA
Via Caravaggio, 5-55
Tel 081.7142155
Via Caravaggio 94/a
Tel. 081.19531937
Chiuso a pranzo e lunedì

Enzo Coccia, erede di una tradizione familiare, è stato uno dei protagonisti della rinascita mediatica della pizza napoletana. Ha saputo, per primo, coniugare la ricerca sulla materia prima alla lunga lievitazione collegandosi ai circuiti gourmet ancora prima del grande boom del 2.0. C’è la margherita proposta in sette versioni ma solo su richiesta, da incornicare la marinara con pomodoro e aglio, il ripieno con cicoli è leggero come la piuma. Il locale vecchio è più pop, mentre i nquello nuovo troverete bollicine, birre artigianali e pizze gourmet. Quest’anno ha aperto anche ‘O Sfizio d’’a Notizia, dove si propongono grandi fritti e le mpustarelle, una sorta di pane pizza leggero e goloso. Insomma, ben presto via Caravaggio si chiamerà via Coccia!

 

LIEVITO MADRE
Via Partenope, 1

Tel. 081.19331280
Sempre aperto

Ha subito acquisito un ruolo di rilievo questa pizzeria che fa angolo tra pizza Vittoria e il lungomare liberato dalle auto. La formula del sette propone sette pizze (buonissima l’Antica Napoli con fiordilatte vaccino, olio extravergine d’oliva e basilico fresco), sette birre artigianali e sette vini. Favolose le fritture, a cominciare dalle “palle di riso” in bianco e al pomodoro oltre agli altri fritti tipici napoletani. Il concept è moderno, ma lo stile e il gusto sono sicuramente tipici napoletani. Un riferimento sicuro aperto tutto l’anno e che ha riportato la vera pizza napoletana dei Tribunali nel cuore bello della città frequentato dai turisti.

Pizzeria Lombardi. E’ nata Fior di Margherita

LOMBARDI
Via  Foria
 12,14
Tel. 081.456220
Chiuso lunedì sera

Una dinasty della pizza napoletana impegnata in questo momento di un positivo cambio generazione dentro quello che è diventato una sorta di fortino goloso a quattro livelli. Quasi di fronte alla fermata della metro di piazza Cavour avrete dunque un palazzo della pizza.  Una storia che nasce ufficialmente nel Dopoguerra grazie a Enrico: non mancano piatti di cucina tradizionale napoletana, ma il motivo principale restano i grandi fritti all’italiana, una margherita e una marinara eseguite alla perfezione e tante variazioni sul tema. Bella selezione di vini napoletani e campani, buone birre e fine paste. Da non perdere dolci e gelati di ottima fattura.

 

LOMBARDI A SANTA CHIARA
Via Benedetto Croce, 59
Tel.081.5520780
Sempre aperto

Dopo un momento in cui si è temuto che questa antica pizzeria fondata dalla famiglia Lombardi potesse chiudere, poi, nel 2011, è stata rilevata dagli eredi di Ciro Leone, il mitico fondatore del Trianon che hanno deciso di mantenere il nome. Sempre affollata la vetrinetta all’ingresso, buona la margherita, imperdibile la batteria di fritti. Possibile anche gustare piatti della tradizione, a cominciare dagli spaghetti. Possibile anche optare per il menu fisso, per esmepio  gnocchi alla sorrentina, scaloppina al limone e semifreddo al limoncello. Un esempio di ristorazione veloce ed efficace in uno dei luoghi più affascinanti di Napoli.

 

MANFREDI
Via Santa Teresa a Chiaja, 33

Tel. 081.411647
www.pizzeriamanfredi.com

Pasquale Mandredi è procidano doc, fuggito dall’isola dei pescatori e dei marinai quando ancora non c’era acqua nelle case per andare in città dopo il matrimonio. Qui apre una pescheria e, dal 2001, rileva questo bel ristorantino ad angolo. Qui lavora insieme al figlio, appassionato sommelier e propone bei piatti semplici di tradizione partenpea magistralmente eseguiti, come lo spaghetto ai ricci di mare. Ottime le pizze, di grande qualità e con un impasto ben idratato. Oltre alle classiche marinare e margherite, divertente la Mandredi, con la ricotta dentro il cornicione. Il ristorante pizzeria è un riferimento per tutto il quartiere. Buona carta dei vini.

 

MARINO
Via Santa Lucia 118

Tel. 081.7640280
Chiuso lunedi
ferie due settimane in agosto

Da mescita dei vini a pizzeria di successo. E’ questa la storia iniziata nel 1936 di questo locale fondato da Salvatore Marino. Riferimento per artisti, giornalisti, politici, si respira aria luciana con i piatti di pesce sempre pronti, frittate di maccheroni, parmigiane. Piatti a base di pesce superbi, frittura di terra e di mare sempre all’altezza e ampia scelta di vini. Il must resta la pizza margherita, semplice e classica, buona anche la frittura all’italiana, da provare anche la Marino con prosciutto e funghi. Servizio cordiale e professionale e tanti buoni vini campani nel bicchiere.

 

Mattozzi Paolo Surace con la Margherita
Mattozzi Paolo Surace con la Margherita

MATTOZZI DI PAOLO SURACE
Piazza Salvo d’Acquisto, 2
Tel. 081.5524322
Sempre aperta

Aperto nel 1924 il locale è stato rilevato nel 1959 dalla famiglia Surace. Lello è stato primo presidente dell’Associazione Pizzaioli Napoletani. Ambiente di fascino, con affaccio sulla vivace e vitale piazza e una veranda da sfruttare in estate. Il locale ha l’aspetto immutabile di una vecchia cantina, con il banco per la manipolazione della pizza, attualmente occupato dal figlio di Lello, Paolo, in mezzo alla sala storica con la cucina alle sue spalle. Il menù corrisponde a quest’immagine semplice e propone alcuni piatti legati alla cucina tradizionale. Buone e classiche esecuzioni senza fronzoli, da provare la Mattozzi con pomodorini e mozzarella.

 

MATTOZZI LUIGI E FIGLI
Via Filangieri, 16

Tel. 081.416378

Chiuso domenica
Uno dei locali della borghesia napoletana, non lontano dal liceo Umberto, fondato da Luigi Mattozzi negli anni ’80 proprio nella strada dello shopping più accorsato del centro cittadino. Ma invece di un ristorante fighetto o inutilmente costoso qui potete trovare l’anima verace della città. Nelle sale sempre affollate o nei tavolini esterni potrete trovare una cucina buona e immediata, pasta e patate, spaghetti al pomodoro, ma soprattutto le fritture all’italiana, la buona margherita e qualche variante a tenere banco. Confortati da un servizio rapido anche quando tutto è pieno e da buoni bicchieri di vino campano.

 

OLIO&POMODORO
Via Francesco Cilea, 270-272
Tel. 081.642003

Appena un anno per questo locale moderno che ha il cuore antico in un nuovo concept moderno: al lavoro le quarte generazioni delle famiglie Grasso, proprietari di Gorizia, e Rosciano, pizzaioli in queste strutture che hanno fatto la storia sulla collina del Vomero. In società Francesco Cappuccio, Rosario La Marca e Dadio Viviani. Due forni, costruiti da Ferrara, a vista, lavagnetta con le specialità della casa, ottime marinara e margherita, soprattutto se precedute dalle fritture tra cui eccelle il panzarotto di patate. Tra le specialità, la pizza stella con un gusto diverso in ogni punta e il ripieno, al forno e fritto. Birra Forst, qualche vino e prodotti di ottima qualità.

 

Pizzeria Oliva

OLIVA
Piazzetta Marconiglio, 3
Tel.081.444166
Chiuso domenica

Una tradizione familiare che risale a Donna Concettina alla Sanità. Da lì sono gemmati più locali che ancora oggi sono un punto di riferimento importante per gli amanti della buona pizza al di fuori dei circuiti mediatici e turistici. Gli impasti qui sono tre, una vera e propria catena di montaggio in funzione tutta la giornata per soddisfare le diverse esigenze. Da provare, per devozione, la pizza fritta, buona la margherita. Imperdibile il fritto napoletano e la pizza a libretto che parte di buon mattino in esposizione nella vetrinetta.

 

OLIVA AL VOMERO
via Tino da Camaino, 2

Napoli
Tel. 081.5783405

Massimo e Mariano Oliva, eredi di una famiglia storica di pizzaioli napoletani, da vent’anni al Vomero conducono la loro pizzeria che si trovava prima in via Giotto, ora in via Tino da Camaino. L’ambiente della pizzeria è colorato, tutto richiama i segni caratteristici di Napoli, dagli accessori ai quadri in esposizione che raffigurano i prodotti del territorio. All’esterno, una vetrina dedita alla vendita di pizze a portafoglio e di fritti. Un fritto asciutto, non pesante, gli ingredienti di buon livello si percepiscono già dall’antipasto. Il menu delle pizze è vario, una ventina quelle in carta, ma naturalmente si parte sempre dalla tradizione.

ORO BIANCO
Piazza Nazionale 57-59
Tel. 081.18334284
Aperto sempre

Siamo a Piazza Nazionale. Qui si incrociano pizzerie consolidate, ben posizionate da tempo e molto affollate. E qui Espedito Martino, titolare della vicina gelateria Il Bacio (cinquanta gusti diversi di gelato e semifreddi) ha avuto il coraggio di aprire una nuova pizzeria dove una volta c’era un pub. e ne occupa il cognato Antonio Maraucci ha trenta anni, da quindici fa il pizzaiolo al Borgo Marinari dove la famiglia ha de sempre un ristorante. Impasto tradizionale, un diretto cioè, che migliori la resa finale della sua miscela di farine, tipo zero e un po’ di uno, giocando con lunghe, ma non stressanti, lievitazioni. Pizze di qualità e buone fritture.

PALAZZO PETRUCCI
Piazza San Domenico Maggiore, 5/7

Tel. 081. 5512460
Chiuso domenica sera

.Impasto classico, lunga lievitazione e maturazione perfetta caratterizzano la sua pizza e la rendono morbida, gustosa. Grandi materie prime spiccano per la farcitura dai pomodori rigorosamente Dop, ai latticini, agli oli. Notevole è la Margherita e pure la Marinara. Da non perdere la pizza Tutto a crudo con mozzarella di bufala, pomodoro di Sorrento e sedano. C’è pure la Vegana con le verdure di stagione e qualche tagliere di salumi e formaggi tutti campani. In cantina tante le birre artigianali e buona carta dei vini.

 

PELLONE
Via Nazionale, 92

Tel. 081.5538614
Chiuso domenica

Ambiente da pizzeria come da tradizione: spicciolo, veloce, quasi povero, ma assolutamente da folclore partenopeo. La “pellonata” come la chiamano i fedelissimi, è la gioia di mangiare una margherita e una marinara “a ruota di carro” che traborda dal piatto. I fratelli Mimmo, Franco e Antimo De Luca hanno dato un buona accelerata alla tradizione di famiglia. Imperdibili, oltre quelle citate, il calzone fritto con la ricotta e i cicoli, il ripieno ocn la scarola e le pizze libretto. Una fila che vale l’attesa.

 

PIZZERIA DEL POPOLO
Piazza Mercato, 44

Tel. 081.5634029
Aperto sempre
Chiuso domenica

Il cuore palpitante della Napoli di Corradino di Svevia e di Masaniello, che in Piazza Mercato allo stesso modo conclusero la loro epopea, si percepisce ancora nell’atmosfera tutta popolare che qui si vive ogni giorno, non soltanto nelle feste importanti come quella della Madonna del Carmine. Gianni Breglia è l’anima di questa pizzeria insieme a Franco Pierno. Stava da Di Matteo in Via Tribunali pure lui quel giorno in cui Bill Clinton mangiò una pizza a’ libbretto. Ora sta qui a guidare una bella brigata tra forno e friggitoria. Ottimi i panzarotti, i crocchè con friarielli e salsiccia, le frittatine di maccheroni. Gigante e soave è la pizza fritta. La Margherita con peperoncini verdi e pomodoro d’estate trionfa. C’è sempre una bella Marinara. Birra nazionale e tanta allegria. Sempre.


PIZZERIA MOCCIA AL TERRAZZO
Viale Colli Aminei 99/101

Tel. 081.7414400
Aperto sempre
Chiuso mai

Tradizione familiare. Pizzaioli da più generazioni con esperienza in più parti di Napoli e provincia. La pizzeria è aperta, non lontano dal presidio ospedaliero CTO da una ventina di anni. Ha cominciato papà Antonio Moccia. Ora continua Roberto con Michele e Sascia. Una recente ristrutturazione delle sale al piano inferiore e del terrazzo, appunto, aperto d’estate, affacciato sul viale. C’è sostanza e leggerezza. Quello che oggi si chiede per una buona pizza. Ben fatti anche i crocchè, di patata vera, e la frittatina di maccheroni.  Assaggiate la Margherita o la Marinara e non perdetevi il calzone di scarola provola e alici reso ancora più goloso da scaglie di caciocavallo sulla crosta.

 

PIZZERIA VITTORIA
Via Piscicelli 34/36
Tel. 081.5795771
Aperto sempre
Chiuso Mercoledì

Siamo in pieno Vomero, appena un po’ oltre piazzetta Arenella. Ambiente luminoso, tanti coperti, una sala ampia giù e una su, tovagliato candido, servizio impeccabile. E padrona alla cassa. Un tuffo vintage, confortevole, rassicurante. Che funziona, soprattutto. Giacché ti trovi a tuo agio, mentre con lo sguardo vedi le cose come vanno. Il pizzaiuolo che governa il banco, il fornaio a mestiere, i camerieri in divisa che non perdono una battuta, anche quando il Napoli sta in Tv e l’occhio malandrino viene rapito. L’asporto tira e la pizza si avvolge nel cartoccio. Come ai bei tempi. Impasto tradizionale, ma soffice, scioglievole, saporito. Lo si apprezza nelle classiche Margherita e Marinara, ma soprattutto nel calzone al forno ripieno di scarola stufata, quella con le olive di Gaeta, i capperi e le acciughe. Babà e pastiera per dolci e tanto buon vino in cantina.

 

PIZZERIA VOMERO
Via Belisario Corenzio, 4 – 6
Tel. 081.0491868

Da circa due anni Patrizio Acunzo ha voluto scommettere su una nuova pizzeria, sempre al Vomero. Per sua stessa scelta, non ha voluto distaccarsi troppo dalla tradizione della propria famiglia, in carta potete trovarci gli stessi cavalli di battaglia della pizzeria Acunzo, così come non potevano mancare i fritti che rappresentano il loro punto di forza. L’impasto ha una lievitazione che va dalle otto alle dodici ore, il disco di pasta è sottile al centro e presenta un cornicione ben alveolato.

 

PORT’ALBA
Via Port’Alba 18
Tel. 081.459713
Sempre aperto.
Nome omen, prima di entrare, o di uscire, da questa porta seicentesca è impossibile resistere alla pizza a libretta esposta in vetrina. Oppure, più semplicemente, comprare la pizza e continuare a passeggiare spiluccando tra negozi e bancarelle di libri. Le origini del locale risalgono a prima della seconda guerra mondiale, e adesso è gestita dall’ultima generazione della famiglia Luciano ed è una rappresentazione classica della tradizione popolare della pizza senza fronzoli. Buoni il crocché e la fritture, imperdibile le classiche, abbastanza insolita quella con le alici fresche.

 

PORZIO
Pizzeria Porzio Napoli
Via Cornelia dei Gracchi 27
Tel. 081 241 2142
Sempre aperta, la domenica solo la sera
Errico Porzio: 41 anni, dall’età di 13 al lavoro. E’ una storia comune a tanti pizzaioli che hanno iniziato a gironzolare attorno ad un forno (lui in quello di Pellone e ha in menu proprio le pizze a ruota di carro) quando questo mestiere non aveva alcuna considerazione. Ed è per questo che in questa pizzeria di Soccavo, per i non napoletani non lontano dallo Stadio San Paolo, che trovate una pizza efficace, di carattere, molto ben eseguita, arricchita da una buona ascelta di pizze artigianali e da materia prima di qualità. Fritti e pizza fritta da non perdere.

 

PRIGIOBBO
Via Portacarrese a Montecalvario, 96
Tel. 081.407692
La famiglia Prigiobbo ha aperto qui nel 1977 spostandosi da via Toledo dove aveva avviato l’attività. Si tratta di un locale essenziale, senza fronzoli, per gli amanti della tradizione dura e pura e infatti si serve anchre la margherit all’ombra con meno pomodoro. Imperdibile la pizza fritta e le le classiche. Molto ben eseguite le fritture, tra cui gli arancini ancora fatti a mano. C’è anche buona cucina di pesce e classica napoletana sempre ben eseguita che fa respirare la piacevole aria intima della Napoli di un tempo.

 

SALVATORE ALLA RIVIERA
Via Riviera di Chiaia, 92

Tel. 081.680490

Fondata nella metà degli anni Cinquanta, la pizzeria è un riferimento di quartiere in cui cultura aristocratica, borghese e popolare si fondono proprio nella pizza. Che qui è essenziale, un po’ più piccola di quelle a ruota di carro vicino alla Stazione, magari preceduta da una frittura all’italiana o di mare. La pizza è di tipo classico, ben eseguita, vale sicuramente la fermata-Non mancano anche alcuni primi. Molto buono il ripieno, vini campani e servizio cordiale.

 

Bill De Blasio inaugura Gino Sorbillo NYC
Bill De Blasio inaugura Gino Sorbillo NYC

SORBILLO
Via dei Tribunali 32-35
Tel. 081.446643
www.sorbillo.it
Chiuso domenica

Ed ecco il vincitore assoluto del campionato della pizza napoletana organizzato dal Mattino questa estate. Erede più vivace della tradizione fondata dal nonno Luigi, Gino Sorbillo è al tempo stesso un grande imprenditore e personaggio mediatico, il primo pizzaiolo ad aver scoperto il 2.0. e lo ha dimostrato ampiamente. La pizzeria si è ingrandita e allargata, vicino c’è anche la Casa della Pizza. Imperdibile la marinara innumerevoli le combinazioni con i migliori prodotti della campania, perfetta la marinara. Dopo lo spin off su via Partenope è in arrivo il locale della pizza fritta sui Tribunali e la tanto sospirata apertura a Milano.

 

SORBILLO ANTONIO E GIGI
Via Tribunali, 38
Tel. 081.0331009
Aperto sempre
Non c’è solo Sorbillo, i cugini sono a fianco, a via dei Tribunali, al bancone c’è il giovane Vincenzo Iannucci che ha portato e condiviso una bella rinfrescata al modo di lavorare gli impasti e guarnire le pizze. Farina doppio zero sempre, ma maggiore idratazione, lunga lievitazione, materie prime selezionate, soprattutto pomodori e olio evo. Pizze tradizionali, un poì meno debordanti, margherita emarinara sopra ogni cosa. Da provare.

Antonio Starita Pizzeria Starita Napoli Pizza Mastunicola foto tommaso esposito
Antonio Starita Pizzeria Starita Napoli Pizza Mastunicola foto tommaso esposito

STARITA
Via Materdei, 27

Tel. 081.5441485
www.pizzeriastarita.it
Chiuso domenica a pranzo e lunedì

Lo storico locale di Materdei fondato nel 1901 da Antonio Starita è famoso e amato per essere stata il luogo delle riprese L’Oro di Napoli. Da cantina a pizzeria, oggi qui il fritto è un culto che inizia dal salato (imperdibile montanara) e termina con gli angioletti. Antonio, vicepresidente dell’Associazione Verace pizza, oggi è uno dei pizzaioli più stimati in città. Verrete qui per la doppia cottura della pizza prima fritta e poi al forno o per provare quella con il baccalà. Buona anche quella con la mortadella e il pistacchio. Servizio preciso, buoni vini, bella atmosfera.

 

TAVERNA DI BACCO
Via Sementini 28 – Rione Alto

Tel. 081.5466119
Aperto la sera, domenica anche a pranzo
Chiuso mai

Salvatore de Rinaldi, detto Sasà, ha aperto qui il forno una decina di anni fa di ritorno dalla Val d’Aosta dove a La Thuile si era fatto onore con il suo brand Sasàpizzamia. Con lui ci sta il figlio Cristiano, la moglie e qualche collaboratore tra il bancone e la sala. Si fa pure un po’ di cucina tradizionale e si gusta una buona parmigiana. Ma la vera risorsa qui sono le pizze, quelle veraci come la Margherita e la Marinara. Poi ci sono le speciali come la golosa Pizza Fordze concepita in quel di La Thuile. Ci stanno su filetti di pomodoro fresco, rucola, radicchio chioggiano, scaglie di grana, mozzarella, gherigli di noci, olio tartufato. E fettine sottili di carne mezzata, una specialità valdostana. È una pizza da mangiare al giro tanto che è sostanziosa. Grande carta con le birre artigianali di Teo Musso alla spina e in bottiglia.

 

TRIANON
Via Pietro Colletta 44-46
Tel. 081.5539426
Sempre aperta

Ciro Leone fondò il locale nel 1923 chiamandolo con il nome del teatro che ha visto passare calcare le scene da tutti i grandi attori del passato. La pizzeria si svilupa su ben quattro livelli, sempre pieni, al primo ci sono ancora i tavoli in marmo dell’apertura. Famosa e rinomata la margherita, da provare la otto gusti, sempre più di successo la salsiccia e friarielli. Ancora oggi è una delle pizzerie di riferimento del Pantheon napoletano per lo stile, il servizio essenziale, la velocità di esecuzione. Da non perdere.

 

TUTINO
Via Cesare Carmignano 79-81
Tel. 081.26871179
Sempre aperto

Una delle tante pizzerie nate attorno ai mercati, ai luoghi di incontro tra le persone nei pressi di Porta Nolana. Ciro e Giuseppe sono nipoti di una tradizione iniziata con il nonno che vendeva le pizze a libretto che sarà continuata dai figli. Proprio questo modo di mangiare la pizza ne fa un punto di riferimento insieme alla pizza fritta, alla quattro stagione e ai fritti esposti all’ingresso. Essenzialità e tradizione sono l’anima di questo locale popolare nel cuore della città dove si respira l’atmosfera dlela vecchia Napoli.

Lorella e Massimo di Porzio che con la sorella Roberta sono Umberto

UMBERTO
Via Alabardieri, 30

Tel. 081.418555
Chiuso lunedì
www.umberto.it

Nata durante la prima guerra mondiale, si fa prima a dire chi non è mai passato alle spalle di piazza dei martiri per una pizza: nessuno. Una storia giunta ormai alla quarta generazione che ha aggiornato il servizio, la ricerca sulle materie prima e i piatti mentre già bussa la nuova. Servizio accogliente, sempre una bella atmosfera con un menu napoletano classico, compresa la genovese e la pasta e fagioli, buona marinara, pizza con le torzelle, fritto all’italiana. Classico, ma rivisitato con tecnica moderna in cucina e nella presentazione e tavola.Vini campani, birre artigianali e qualche etichetta nazionale.

 

——————————————————————————

PROVINCIA DI NAPOLI

_______
ACERRA
_______

ATTILIO ALBACHIARA
Corso Vittorio Emanuele 66-69

Tel. 081.5200422
Chiuso la domenica

La pizzeria storica di Acerra è nel cuore del centro ed è portata avanti da Attilio, presidente dell’Associazione Mani d’Oro e organizzatore del Trofeo di Pulcinella. Si tratta di un alfiere della tradizione che non perde mai l’occasione di ribadire l’importanza della scuola e della crescita su impasti e materie prime. Classiche, allora le sue pizze margherite e marinara. Ottima come asporto, è un punto di riferimento per gli appassionati.


BELLA NAPOLI
Via L. Ariosto 5

Tel. 081. 3198112
Aperto sempre

Sempre in crescita è questa pizzeria. Oltre alla sala interna arredata con gusto moderno, c’è una capiente veranda che d’estate diventa dehors. Il merito è del pizzaiolo Vincenzo Di Fiore, buona mano e tanta voglia di non fermarsi mai proponendo una pizza tradizionale, ma moderna guarnita soltanto di prodotti di altissima qualità: Nessun abbandono alla moda, ma rigorosa ricerca sulle lievitazioni e sulle materie prime di eccellenza. Pomodoro San Marzano e Pomodorino del Piennolo. Latticini  oli dop. Più che buoni i fritti. Da non perdere Mammarella, la pizza con i carciofi arrostiti la Margherita nella versione Terra Mia.  Adeguata la carta dei vini e delle birre artigianali. Semifreddi e dessert artigianali di grande sapore.

 

GAETANO PAOLELLA
Corso Resistenza 187
Tel. 081.3199598
Aperto sempre
Chiuso a pranzo lunedì e domenica


Un fratello a Salerno e due, Gaetano e Emanuele nel cuore di Acerra impegnati nela ricerca degli impasti e della buona qualità delle materie prime. Una avventura partita con l’asporto nma che poi è diventata più amplia. Fritti perfetti, cornicione alto e alveolato come adesso piace ai giovani, ottime le classiche margherite e marinara. Da provare quelle d’autore, come quella con il ragù.

 

GIGLIO
Via Madonnella 14

Tel. 391.134 8382
Aperto la sera

Una piccola accogliente saletta di recente rinnovata. Un fresco dehors d’estate. Tanta passione e talento caratterizzano il pizzaiolo Gaetano Giglio che ha imparato il mestiere da Adolfo Marletta. Tradizione rinnovata ora che sta solo dietro al bancone e fa ricerca con farine e impasti. Pizza morbida, cornicione alto e materie prime di qualità. In sala c’è la moglie Claudia che accompagna nella scelta nel menù piuttosto ampio che si rinnova di continuo grazie alla fantasia del pizzaiolo. Si può cominciare con una frittura. Da non perdere Margherita 2.0 o le speciali che lui ama definire pizze “scostumate” perché molto golose, come Casatiello e Lasagna. Birre nazionali.

 

TOTO’ E I SAPORI
Via San Gioacchino 73/75

Tel. 081 520 6424
Aperto sempre

Due sale ampie e moderne, luminose, accoglienti. Sono state da poco rinnovate. Tovaglie e posateria easy. Grande cordialità nell’accoglienza e nel servizio. Mauro Autolitano è un maestro pizzaiuolo: tiene lezione a tanti allievi e si mette sempre in gioco. Sperimenta lievitazioni e soprattutto ricerca buone materie prime. L’olio extravergine viene dal Cilento, la mozzarella è di bufala, il fiordilatte e la provola sono d’Agerola. Da non perdere è la sua pizza Tiziano con il baccalà e i peperoncini verdi. Tanta passione trasformano questa pizzeria in un bel posto dove trascorrere una piacevole serata e bere pure un buon vino.

 

___________
CASANDRINO
___________

CARMINE DONZETTI
Via Monsignor Pasquale De Pasquale

Tel. +39 338 859 3200
Sempre aperto

Carmine Donzetti a Casandrino: lo ritroviamo in un locale fotocopia dopo essere stati da Frijenno Magnannno ad Arzano dove però è la cucina di mare a farla da padrone più che la pizza. L’uso dialettale del nome al locale è una tradizione di famiglia. Lui è nato nel mitico Cazzo Comme Coce a via Foria, un locale molto popolore fondato dal nonno. Poi il trasferimento nell’hinterland. La sua è una pizzeria tradizionale proposta in un’ampia carta dei vini e un servizio attento e professionale.

 

___________
CASALNUOVO
___________

O GEMELL
Via Benevento 183, 80013
Casalnuovo di Napoli, Italia
Tel. 333 859 9960
Due gemelli, entrambi panettieri. Mentre Pietro Castaldo continua a fare il mestiere, Luigi pensa di diventare pizzaiolo e già il figlio Michele non vuole saperne di studiare perché gli piace stare vicino ai due forni, uno con la classica bocca a mezzaluna per la pizza napoletana e l’altro per il pane la pizza a metro. Entrambi ovviamente a legna, non a gas.

 

________
CERCOLA
_______

DEL PINO
Via Don Minzoni, 225

Tel. 081.7331145
Sempre aperto
Ferie a Ferragosto

Grandi numeri, si arriva anche a 700 coperti, certo, in questa pizzeria storica, ma anche qualità e servizio rapido e professionale. Sia nella cucina espressa con tanta attenzione al pesce, tradizionale e precisa, che nella pizzeria che assorbe gran parte della clientela. Pizze per tutte le esigenze, a cominciare dalla lasagna, fatta con ricotta,  con la provola, e il classico repertorio. Molto interessanti anche i ripieni, sia quello con le scarole che il classico. Vini campani e birre.

 

_________
ERCOLANO
_________

Chef pizzaiolo Giuseppe Pignalosa
Chef pizzaiolo Giuseppe Pignalosa

LE PARULE
Via B. Cozzolino 70

Tel. 081.7396494
Aperto la sera chiuso lunedì

Siamo a ridosso del parco del Vesuvio. La tradizione familiare dei Pignalosa viene da lunga data ed è profondamente radicata qui sul vulcano. Ora c’è Giuseppe che da qualche anno ha avviato il nuoco corso della pizzeria orientato sulla leggerezza degli impasti e sulla scelte di materie prime vesuviane di altissima qualità. L’olio per esempio nasce tra questi uliveti e così pure i pomodori si coltivano negli orti di prossimità. Latticini e verdure di stagione sono un grande abbinamento che fa nascere le pizze più buona come quella con i peperoncini verdi oppure le fave e i carciofi. Selezione di vini vesuviani e birre artigianali campane.

 

________________
FRATTAMAGGIORE
_______________

ANTICA PIZZERIA FRATTESE
Vico II C.so Durante, 2
Aperta a pranzo e cena
www.anticapizzeriafrattese.it
Tel. 081. 8348722
Chiusa la domenica

A ben ottant’anni rappresenta un punto di riferimento importante nell’area nord di Napoli. Di certo non conosce la parola crisi, anzi qui si fa grande fatica a stare dietro alle ordinazioni. Le pizze in menù sono più di quaranta e qualsiasi sia la richiesta del cliente, nei limiti del possibile, verrà esaudita. Da provare la margherita, con i friarielli, la frattese con provola pomodorini e funghi, i fritti. Il sapere e i sacrifici di tre generazioni che hanno imparato il mestiere vicino il forno sin da piccoli. Come del resto sta facendo anche la quarta.

 

______________
FRATTAMINORE
______________

EST OVEST
Via Roma 167
Tel. 371.1290260
Aperto la sera
Chiuso lunedì, martedì

Nasce da un impasto concepito e strutturato nel modo più tradizionale: farina tipo 00, procedura diretta, lievitazione massima di 24 ore in temperatura ambiente. Non a caso qui c’è la tabella della Associazione Verace Pizza Napoletana. La novità di questo posto, un quaranta coperti in ambiente molto accogliente, sta quindi nella meticolosa ricerca dei prodotti con cui guarnire. Il menu è dettagliato. Le pizze in carta sono una quarantina. Sono raggruppate per aree: fritti, creative, del futuro, Slow Food, tradizionali. Alcune sono contrassegnate dalla V che indica la natura Vegetariana o Vegana. Luigi, il fratello di Pasquale, che gli dà una mano al forno e in cucina, è, infatti, vegano.

 

_________
GIUGLIANO
_________

ANIMA E FANTASIA
Via Madonna del Pantano 50 – Località Varcaturo
Tel. 081.5096384
Aperto sempre
Raffaele Marigliano ha diciotto anni appena. Al mattino va a scuola. frequenta l’Istituto Alberghiero del Villaggio Coppola e studia da cuoco. Ma non gli piace stare davanti ai fornelli: sta bene tra il bancone e il forno, invece.
Aveva quindici anni quando ha cominciato a fare il pizzaiolo. La sera, quindi sta qui. In questo ristorante pizzeria, lungo lo stradone che dalla base Nato di Varcaturo porta dentro il quartiere, che ha riaperto da qualche mese e di forni ne ha due accesi. Qui ha cominciato ad ammaccare e qui è ritornato, in attesa di realizzare il suo sogno.

MARIA MARI’
Via Mario Pirozzi, 59
Tel. 081.5064205
Sempre aperto
Nel cuore di Giugliano, a Nord di Napoli, una pizzeria identitaria che oltre a fare pizze tradizionali ha per prima introdotta, in tempi non sospetti , alcune varianti innovatiche che hanno avuto successo. a pizza viene preparata dal titolare della pizzeria Enzo Sannino, ex pizzaiolo di Attilio alla Pignasecca, che ha deciso di investire, dovee trovare e gustare una buona pizza non è facilissimo.

______
ISCHIA
______

CICCIO
Via Genovino 14

Tel. 081.3332009
Aperto sempre
Chiuso mai

La buona pizza sull’isola non è facile da trovarsi. E così Ivano Veccia con Nello Calise il proprietario del locale di cambiare completamente rotta. Il nuovo locale sta direttamente sulla marina vicino al porto. Grandi materie prime e un impasto ad alta morbidezza. Si può cominciare con dei fritti di buon livello e continuare con le tradizionali Margherita o Marinara. Poi si può gustare la grande golosità delle speciali come la pizza Nostra Tradizione farcita con scarola riccia, alici, pinoli, capperi oppure la finta Lasagna. Bella la selezione dei vini e delle birre artigianali.

 

_________________
POMIGLIANO D’ARCO
_________________

CUORVO
Via Roma 297

Tel. 081.8032325
Aperto sempre
Chiuso lunedì e domenica a pranzo

Ben lievitata, soffice, elastica con il cornicione a misura ti dà il piacere di piegarla a libretto e mangiarla con le mani. Come è d’uso fare per strada. Da disciplinare, insomma. La mozzarella di bufala va sulla doc. Il fiordilatte tra i filetti di pomodorino e sulla Margherita. La provola a richiesta. Ottima la pizza con le zucchine, le melanzane e i peperoni dell’ortolana. Buona la ricotta per il tradizionale calzone.
C’è anche cucina tradizionale con fritture molto ben eseguite.

 

FALERNUM
Via Trieste 18

Tel. 081.8035117
Aperto sempre
Chiuso martedì e sabato a pranzo

Angelo e Vito Mazzacane, due fratelli. L’uno pizzaiolo, l’altro cuoco. Sono  il cuore di questo locale posto sul corso della città. Ci sta una buona cucina tradizionale, con piatti di pesce e baccalà. Le pizze seguono la moda gourmet. Farine alternative e semintegrali con grandi materie prime. I risultati sono più che buoni. Le fritture sono consigliate e poi a seguire le tradizionali Margherita con bufala o la Marinara con pomodorini del piennolo, alici e capperid. Fra le creative non perdetevi Lardiata, la pizza golosa  guarnita da un lardo di patanegra tra i migliori. Buona la carta dei vini e delle birre. E buoni anche i dessert.

 

___________
MARIGLIANO
___________

O’ SCIALATIELLO
Via P. Pio, 55/57 Tel. 081.8855193

www.oscialatiello.it
Aperto la sera Chiuso il mercoledì

La collezione di moto e di auto d’epoca fa bella mostra, come un museo da consigliare agli appassionati e ai curiosi, lungo il porticato d’ingresso dall’ampio parcheggio. D’estate funziona il fresco e capiente dehors. La sala è comune al ristorante ed è stata completamente rinnovata. Al forno c’è Carmine, il più giovane della famiglia Granato, che, cominciando sedicenne, ora è un pizzaiolo provetto. Gavetta e grande passione. Bella tecnica d’impasto e materie prime selezionate. La pizza più gettonata è quella con il mussillo di baccalà arrostito. Poi ci sono le imperdibili come la Margherita e la marinara con il piennolo. Carta dei vini e delle birre adeguata. Dolci di tradizione per dessert.

 

_____
NOLA
_____

GENUINO
Via Saviano 50

Tel. 081.8232458
Aperto sempre

Paolino Natale è il patron che sta in sala. Tra il bancone e il forno c’è Stefano De Simone, mentre ai fornelli a far fritture, e pure qualche piatto della tradizione, c’è mamma Maria. Gli ortaggi vengono dall’orto di papà Giggino. Insomma qui c’è una vera e propria repubblica del gusto ad impronta familiare. La pizza e perciò golosa ricca come è di prodotti garantiti dalla filiera corta familiare. La pizza Marinara ai due pomodori giallo e rosso e quella con il carpaccio di tonno sono le più richieste. Poi ci sono le tradizionali. Tante fritture per cominciare e divertirsi. Le birre artigianali ci sono e pure i vini. I cannoli di mamma Maria sono i dolci da assaggiare.

 

METAMORSI
Via Madonna delle Grazie 161

Tel. 081.8295369
Aperto la sera
Chiuso lunedì

Le bianche pareti fanno da contorno alla sala elegante dove vengono servite le pizze che si ispirano alla tradizione, ma si presentano rinnovate nello stile. Dietro c’è lo chef Alfonso Crisci che così ha immaginato di portare tra il bancone e il forno le sue idee creative. Nascono perciò buone fritture che possono fare da preludio alla Margherita e alla Marinara. Oppure alle pizze speciali pensate con baccalà o stoccafisso. Insomma c’è da divertirsi sapendo di gustare le eccellenze della tradizione vesuviana. Buona la carta dei vini e delle birre.

ZIA ERNESTINA PIZZERIA GOURMET
Via Duomo, 19
Tel. 081 512 6033
Chiuso martedì.

La grande importanza di Nola si legge nel suo centro storico, ricco di palazzi e chiese bellissime che ha il suo cuore al Duomo, finalmente liberato dal traffico. In un vicolo vicino c’è Ivan Di Leva, napoletano di città trapiantato in provincia e con esperienze all’estero. Ora si è sistemato in questa nuova pizzeria, un progetto che vorrebbe anche esportare. Bel servizio di sala, pizze tradizionali e creative, buone le fritture.

 

_________
OTTAVIANO
_________

VILLA GIOVANNA
Via Valle delle Delizie – Fine SP 159
Aperto la sera
Chiuso Lunedì

Siamo praticamente dentro il Parco Nazionale del Vesuvio alla fine della salita che dal centro porta fin sopra il vulcano. Francesco Formisano governa la sala, mentre la moglie Renata Sitko, lasciata la cucina, si è dedicata completamente agli impasti con farine semintegrali o alternative e alla scelta degli abbinamenti per le guarnizioni delle pizze. Al bancone una squadra di pizzaioli giovanissimi completa l’opera. I risultati sono notevoli. Da non perdere la pizza con baccalà o quella alla curcuma prima fritta e poi passata nel forno. Bella la cantina e la selezione delle birre. Buoni i dolci.

 

_______
PORTICI
_______

PIZZA VERACE
Via Gravina 12
Tel. 081.7769095 – 081.7751939
Aperto sempre
Paola Cappuccio discende direttamente da Ciro Leone e Giorgia De Somma che fondarono nel 1923 la Pizzeria Trianon a Napoli. La nuova stagione di questa pizzeria, che sta a Portici da oltre un decennio, ora è affidata a Marco Di Matola, un pizzaiolo di grande esperienza. Gli sta accanto ed inforna Salvatore Coppola. I risultati sono più che buoni e il viaggio nella tradizione si fa deciso, goloso. Con i fritti tra panzarotti, palle di riso, frittatine e una speciale friabile montanara che nell’impasto raccoglie pure uova e burro.

VESUVIO
Via Benedetto Croce, 44
Tel. 081.475728
www.pizzeriavesuvioportici.it

Una semplice scommessa: riuscire a trasformare il piccolo locale con il forno dedicato soltanto all’asporto in una pizzeria di qualità. Così è nata l’avventura di Luigi e Pasquale Petrone nella Pizzeria Vesuvio di Portici. Un laboratorio, due sale e una terza in via di allestimento; tavoli di legno e tovagliato di carta a quadrettoni vecchia maniera. Farina tutta napoletana, pochissimo lievito, lunga lievitazione e alta idratazione. Imperdibili margherita e marinara. Ottimo servizio, da bere qualche buon vino campano.

 

_______________
PALMA CAMPANIA
_______________

ERA ORA
Via Trieste 147

Tel. 3398587591
Aperto la sera Chiuso martedi

È una bella coppia quella di Pietro Parisi e Antonio La Marca. Il primo è il cuoco, il secondo è il pizzaiolo. Nascono così pizze studiate sin dalla scelta della farina e delle lievitazioni. Poi c’è la ricerca delle materie prime che esaltano le tradizioni del territorio a cominciare dagli ortaggi e dai latticini. Da non perdere è la pizza con la parmigiana di melanzane. Così pure una semplice Margherita o Marinara potrà far capire quanta golosità possa essere ritrovata in abbinamenti semplici ed essenziali. Buona la carta dei vini e delle birre artigianali. Il babà come dolce è il giusto finale.

 

PIZZERIA JOLLY
Via Nuova Nola 413

Tel. 380.4620807
Aperto sempre

Prima c’era soltanto l’asporto. Ora una sala permette di sedersi e ritrovarsi tra non molti tavoli nella classica atmosfera da pizzeria. Gennaro e Angelo Catapano sono fratelli che lavorano in perfetta simbiosi. L’uno al bancone l’altro al forno. Miscele di farine a partire dal tipo 1. Buona idratazione, lievitazione non meno di trenta ore. Prodotti: dop e presidi Slow Food. Ci sono buoni fritti e le tradizionali pizze. Poi i nuovi abbinamenti come sulla pizza Taverna con gamberi di Mazara e crema di loti o Myriam con mozzarella di bufala campana dop, porro stufato, speck croccante, granella di nocciole avellane, veli di parmigiano, miele d’acacia e polvere di liquirizia. Birre artigianali e vini vesuviani.

 

_________
POZZUOLI
_________


LA DEA BENDATA
Corso Umberto I, 93
Tel. 081.19189636 – 346.3003491
Aperto la sera

Chiuso mai

Stiamo sul lungomare. Tra kebab e pizzetterie, lounge bar e cafè, Ciro Coccia ha aperto la sua nuova pizzeria. L’altra si chiama Fortuna e sta a Napoli dalle parti di Piazza Garibaldi. Due i motti che qui prevalgono: Pizza fortuna e… qualità. Tra tradizione e… innovazione. Una vera sfida al gusto e ai tempi. E la scelta per una filiera delle qualità e delle eccellenze. Ambiente colorato, giovanile, informale. Easy, si direbbe. Il menu è scritto per capitoli. Le Pizze più conosciute a Napoli. Le Pizze della tradizione Napoletana con prodotti d’eccellenza campana. Le pizze innovative. Poi c’è Cornucopia a forma di cuorno, appunto. Non mancano qualche birra artigianale e del buon vino campano.

AMMACCAMM
Piazza Capomazza 17

Tel. 081.5260467
Aperto la sera

Nicola Taglialatela ha creato questo nuovo format affidando a pizzaioli di consolidata esperienza e tradizione la realizzazione di un prodotto che si segnala per la qualità e la scelta delle materie prime. Gli impasti sono grande livello. Anche le fritture sono da non perdere. Poi ci sono le pizze più gettonate come la Marinara, il ripieno e la Margherita con Bufala. Buona la selezione dei vini campani e delle birre artigianali. Qualche buon dolce per il dopo cena.

 

10 PIZZERIA
Corso Umberto I 167

Tel. 081.1936 9716
Aperto la sera

La posizione è felice: all’inizio del lungomare venendo da Bagnoli e in prossimità dei parcheggi. Due salette interne e un dehors sempre accessibile. Diego Vitagliano è il pizzaiolo che ha iniziato questa felice avventura venendo da una scuola di tradizione consolidata. Ora si cimenta in impasti leggerissimi e nuovi che danno soffice sostanza alle migliori materie prime, molte da filiera corta flegrea, che guarniscono le pizze. Si può cominciare dalle fritture e passare alle varie declinazioni di Marinara e Margherita. Poi ci sono le speciali e qui comincia il bello: affidatevi a chi vi consiglia in sala e resterete sorpresi dalla fantasia nonché dalla golosità di quello che assaggerete. Buona la selezione delle birre e dei vini artigianali flegrei.

 

_____________________
SAN GIORGIO A CREMANO
_____________________

LAZZARI FELICI
Via Pittore, 196
Tel.
081 574 2654
Sempre aperto

Antonio Esposito è figlio d’arte, nipote della Masardona, 21 anni fa, diciannovenne, inizia a lavorare nella pizzeria di famiglia Pizza e Sfizi a via Vespucci. Vincitore per due volte del Trofeo Caputo (1994 e 1995), nel 2012 va a Praga e al suo rientro apre questo bello spazio a San Giorgio a Cremano. Il locale è tradizionale, a pranzo si propongono anche piatti tipici napoletani come la genovese, il ragù, la pasta allardiata o il repertorio classico del mare. Ma conviene venire qua per provare le pizze di Antonio.

I Fratelli Salvo
I Fratelli Salvo

SALVO
Largo Arso, 10-16
Tel.081.275306

Sempre aperto, chiuso domenica
www.pizzeriasalvo.it

I fratelli Francesco e Salvatore hanno il grande merito di aver staccato la grande massa delle pizzerie anonime per agganciarsi al treno del rinnovamento della pziza napoletana. La base è l’impasto elastico che il padre ha elaborato e trasmesso come la migliore delle eredità possibili, poi c’è stato lo studio sui prodotti, i vini, le birre artigianali, il raddoppio dei locali e dei forni, l’attenzione alla comunicazione e alla qualità. Uno sforzo costante, che ha portato questo locale ad essere tra i migliori in Campania e dunque del mondo: margherita, frittatina di pasta e crocché, marinara perfetta, novità con i presidi del conciato romano e della papaccella napoletana. Servizio rapido, professionale e attento.

 

______________________
SAN GIUSEPPE VESUVIANO
______________________

VOGLIA DI PIZZA DI LUIGI CIPPITELLI
Via Astalonga 38

Tel. 081.5295302
Aperto sempre Chiuso martedì

Tutto è incominciato con una pizzeria da asporto, poi Luigi Cippitelli con l’aiuto del fratello Marco ha aperto questo bel locale capiente e luminoso dove si gusta una pizza tutta napoletana in cui primeggiano la fattura dell’impasto e la scelta delle materie prime migliori. Ci sono pomodori e ortaggi dei presidi Slow Food. Un merito importante è la scelta dell’olio evo che nasce proprio da olive coltivate nel Parco Naturale del Vesuvio, quello pregiato e limitato della tenuta Villa Dora di Enzo Ambrosio. Perciò si gustano impeccabili pizze come la Marinara e la Margherita. Poi ci si diverte con tutte quelle speciali come la Mariantonietta con pomodorino giallo oppure la Gratin Bleu con porchetta e rosmarino.

 

__________
TERZIGNO
__________

HACCADEMIA
Via Panoramica, 8 Tel. 333.1163095

Aperto sempre

Siamo proprio sulla strada che conduce alla sommità del Vesuvio. Qui Aniello Falanga, dopo aver condotto per anni la bottega di gastronomia familiare a Pompei, ha trasformato un  opificio in un locale lounge dove, tra aperitivi e qualche piatto di tradizione vesuviana, trionfa la pizza. Blend di farine, lunga lievitazione, cottura alla napoletana. Tra Marinara e Margherita si può gustare  Un pezzo di storia la pizza golosa con mozzarella e provola di bufala, Provolone del Monaco, pomodorino del piennolo e olio evo cilentano. È detta così perché gli ha fatto vincere il primo campionato, ma soprattutto perché rappresenta il territorio campano con i suoi migliori prodotti Dop. Buoni anche i fritti come le montanare con la ricotta di Tramonti e il Pistacchio di Bronte. Birre artigianali e vini campani.

 

____________
VICO EQUENSE
____________

DA GIGINO PIZZA A METRO
Via Nicotera 15


Tel.081.879.8309
www.pizzametro.it
Sempre aperto
La data di nascita è lontana, 1930, ma l’origine dei Dell’Amura non è la pizza, bensì il pane. Ecco perché la concezione è profondamente diversa da quella napoletana, fatta per essere consumata subiot. Qui si fa a metro perché si può anche conservare e mangiare fredda. Di fatto l’Università della pizza è qualcosa che ogni campano almeno una volta nella vita ha provato entrando in questo palazzotto nel centro di Vico. Oltre venti le farciture possibile, da quelle anni ’80 con rucola e parmigiano a quelle più attente al territorio. Un must irrinunciabile. Vini campani e buone birre.

 

__________
VILLARICCA
__________

GENNYPIZZA
Via Consolare Campana 227

Tel. 081.9756602
Aperto sempre

Tutto è cominciato con una pizzeria da asporto. Poi Gennaro Primicerio ha cambiato sede e ora sta qui per offrire ai tavoli un menù molto ricco tra fritti, pizze tradizionali e pizze creative. Grande cura nelle lievitazioni e nella scelta delle materie prime.  Si comincia con la margherita o la marinara e poi ci si avvia in un crescendo sempre maggiore per golosità dalla pizza piselli e pancetta, alla superba Pizza con Genovese, impreziosita anche del tenerissimo stracotto di carne. C’è una buona scelta di birre nazionali o artigianali e vino flegreo.

 

______
VOLLA
______

SUSTA LA VERA PIZZA FIOCCO
Via Felichito, 104
Tel. 081.7741362
Chiuso domenica
www.pizzafiocco.it
La ricchezza della campagna vesuviana entra di prepotenza in queste pizze: verdure, patate, ortaggi, e poi funghi sottoli e tanti altri prodotti per pizze che, partendo dalla margherita,  sono ricche di interessanti spunti, come la Carbonara, la Porcellina con salsiccia e funghi, coni fiori di zucca e quella Fiocco, un d’anta con patate, prosciutto cotto e panna. Tanta abbondanza sul piatto povero che lo trasforma ricco di sapori. Vini campani, buone birre e la simpatia dei fratelli Roberto e Salvatore Susta, in pista dal 1993.

 

*****************************
PROVINCIA DI AVELLINO

 

________
AVELLINO
________

DEGUSTA
Via Ammiraglio G. Ronca, 35

Tel. 0825. 781745
Aperto sempre Chiuso Lunedì

Siamo in pieno centro e il locale multifunzionale ora si è attrezzato con un’area bambini cosicchè papà e mamma possono mangiare la pizza senza pensieri. I pizzaioli, tutti giovani, seguono le indicazioni di Giovanni Mariconda il cuoco che governa i fornelli. Qui infatti c’è una buona cucina e pure un banco salumeria. Le materi prime sono ricercate con cura  cosicché sulle pizza giungono i prodotti migliori dell’Irpinia. Assaggiate la pizza Mallone quando è il tempo. Nel resto dell’anno avrete un menu in cui scegliere ed essera attratti da sapori golosi. Buona la carta dei vini e delle birre artigianali.

 

_______
BAIANO
_______


LA NAPOLETANA
Via G. Marconi 27
Tel. 081.8243430
Aperto la sera
Chiuso martedì

Già il nome fa capire che ci siamo e che la tradizione pizzaiola è rispettata.
Troverete le classiche: dalla marinara, alla margherita al ripieno.
Poi comincia il bello se si lascia fare al padrone di casa Filippo Garofalo e ci si abbandona alla sua fantasia e a quella del figlio. Si può partire dalla fritturine e dalle polpettine con verdura o ortaggi di stagione e continuare con la Profumata con pomodoro, provola affumicata, Gorgonzola Dop e mollica di pane aromatizzata oppure con la delicata Aglio e Olio tutta bianca con fiordilatte, olio all’aglio e aglio tostato.

 

____________________
SAN MICHELE DI SERINO
____________________
APOLLO
via Roma,13
Tel 0825. 595034
I fratelli Mara e Amelio Petrucciani conducono questo locale alle falde del Massicico del Terminio avviata dai genitori. Non vi stupirà certo la robusta cucina di montagna non turistica. Ma la stessa ricerca sui salumi, il sottobosco si riversa nella pizza che è in grando di stupire per la sua personalità. Un po’ più panosa rispetto alla napoletana ma ricca di sapore, a cominciare dalla margherita e le infinite varianti. Buone birre e i grandi vini irpini in accompagnamento.

 

*******************************
PROVINCIA DI BENEVENTO

______
AIROLA
______

ANTOVIN
Via Caudisi 11
Tel. 0823.713970
Aperto la sera
 Chiuso il martedì
Alessandro Tirino è giovane, ma fa il pizzaiolo da quando aveva  14 anni.  Buoni gli ingredienti come l’olio evo, gli ortaggi, il pomodoro e i latticini di prossimità. In carta le pizze tradizionali, qualche innovazione, ma soprattutto l’elogio del territorio tra funghi, patate e maiali che qui non mancano. Gustate la Caprese con bufala e pomodoro crudo. E anche, ma non da soli tanto che sono succulente, la Contadina con fiordilatte, porchetta, fatta in casa, e patate e la Pizza con funghi porcini e provola del Partenio. Sono una bella esplosione di golosa tipicità. Spettacolare è la dolce Pizzeppola, un po’ pizza, un po’ zeppola. La troverete tutto l’anno, non solo a San Giuseppe. In carta ci sono tante buone birre artigianali.

 

_______
MOIANO
______

PIZZERIA DEL GUAPPO
Via San Pietro 67

Tel. 0823.711225
Aperto la sera
Chiuso mercoledì
www.ilguappo.it

Marco Amoriello il pizzaiolo è un vero personaggio. Lui che vive lontano dal capoluogo campano sente un po’ stretto il confine di questo bel borgo adagiato tra le colline appena si entra nel Sannio. Dell’arte della pizza napoletana ha fatto, perciò, una ragione di vita: ogni tanto gira il mondo insegnando il mestiere, mentre qui ha creato un bel santuario, rustico e accogliente, dove si gusta una Margherita fatta a dovere. Buona lievitazione, la cottura e la resa gustativa. Si vede dall’alveolatura del cornicione. Oltre le classiche, i gourmand possono optare per la Full Optional dove c’è di tutto, finanche la salsiccia e la porchetta oltre i peperoni e le melanzane, oppure per la Gigione Jo Donatello dedicata al cantante napoletano.

 

______________
MONTESARCHIO
______________

IL SEGRETO DI PULCINELLA
Via Benevento 36c

Tel. 329.8760545
Aperto la sera

Nasce come pizzeria da asporto, poi sono stati aggiunti pochi tavoli. Siamo in attesa di una nuova sede più ampia perchè qui si fa una delle migliori pizze della provincia. C’è dietro al bancone Giuseppe Bove, che comincia da cuoco e finisce pizzaiolo. Attento studio nella scelta delle farine, delle lievitazioni e delle materie prime per la guarnizone. Il risultato è una pizza altamente morbida, scioglievole e golosa. Margherita e marinara impeccabili e poi potrete assaggiare mazzona con gli straccetti di carne di bufalo o Mortazza con una mortadella artigianale o Wusterl, di suino nero casertano,  e patatine  cotte sotto la cenere. Buona la selezione di birre.

 

____________
PUGLIANELLO
____________

FORO DEI BARONI

Piazza Chiesa, 6
Tel. 0824.946033
Chiuso lunedì
www.ilforodeibaroni.com

Venire qui per provare il repertorio classico può essere piacevole ma è riduttivo. Siano nel locale di uno dei migliori chef campani, Raffaele Daddio, capace di riposizionarsi bene in tempo di crisi. Piatti di tecnica, ben eseguiti, a costi più che abbordabili. E poi le pizze create dal giovanissimo Volodymyr Pyeshkov. Da non perdere le stagionali, con i migliori ingredienti del Casertano, orto, carni e latticini. Buona scelta di vini e ampia e colta selezione di birre artigianali.

 

***************************
PROVINCIA DI CASERTA

________
CASERTA
________

CASA VITIELLO
Piazza Monsignor Nicola Suppa

Tel. 392 4723240
Aperto la sera, prenotazione suggerita
Chiuso Domenica

Pochi posti, è meglio prenotarsi in tempo. Qui si fa la fila, ma ancora per poco perché la pizzeria si trasferirà qualche metro più in là, in un bel palazzetto del secolo scorso. Ciccio Vitiello, il giovanissimo pizzaiolo, si dà da fare per dare il meglio di sé. Non si resterà delusi di essere arrivati quassù. Le pizze presenti in menù sono golose, non lasciano scampo. Si mangiano fino all’ultimo spicchio. Provate le classiche, la Vesuvio con le alici oppure le speciali che nascono da impasti di farine da semi diversi dal frumento. Buona la selezione di birre.

 

IL DIAVOLETTO
Viale Lincoln 254 – Località Falciano

Tel. 0823.344453 – 329.7858601
Aperto Sempre
Locale familiare e ma accogliente. Giulia la padrona di casa porge la carta degli ‘Sfizi di Pizza’, così sta scritto, e prepara il tavolo. La pizzeria è nata nel 1995. Soltanto asporto. Poi l’idea di allestire la sala. Una cinquantina o forse più di coperti. Luciano Freddo è il pizzaiolo. Lavora con una miscela di farine tipo 0 e 00. Altissima idratazione, oltre il 75% . Pizze buone, digeribili, ben eseguite, come le fritture.

 

IL MONFORTINO
Via Giulia 7

Tel. 0823.472535
Sempre aperto, domenica e lunedì solo la sera.
l nome può incuriosire, Monfortino è un vino come ben sanno gli appassionati, ma era anche un modo di dire tra amici e in famiglia. Così dopo una lunga gavetta Francesco Di Ceglie ha deciso di aprire la sua pizzeria, forno e quattro tavoli per 12 posti nel 2016. Siamo un po’ fuori dal centro, verso Tuoro, a Centurano e i primi tempi sono stati davvero tosti. Le prime sere non più di dieci, quindici pizze al tavolo. Poi però l’asporto ha iniziato a tirare l’attività, consentendo di aprire una seconda sala e di arrivare a una quarantina di posti. Buone le pizze tradizionali, ben eseguiti i fritti.

I fratelli Martucci
I fratelli Martucci

I MASANIELLI DI FRANCESCO MARTUCCI
Via Douhet, 11
Tel. 0823.1540786

Sempre aperto, chiuso lunedì

L’apertura della nuova sede dei I Masanielli-Francesco Martucci segna uno spartiacque nella storia moderna della pizza napoletana, niente sarà più come prima. Partiamo dall’ambiente, 500 metri quadri di cui 300 dedicati alle cucine, alla camera di lievitazione (nella quale non entra nessuno) e alla dispensa. Menu vario, stagionale, che varia ogni due mesi a parte le pizze classiche e le tre fritture (arancini, crocché e frittatina di pasta).
Francesco Martucci, con l’aiuto di tutta la famiglia, ha varato la portaerei della pizza campana, qualcosa di assolutamente inedito e nuovo, in un ambiente ispirato ad atmosfere danesi e inglesi dentro un ex concessionaria d’auto.

 

I MASANIELLI DI SASA’ MARTUCCI
Via Antonio Vivaldi, 23
Tel.0823.220092
Sempre aperto, sabato solo la sera

Il locale è molto bello, popolare, pieno di gente, con papà Paolo che regola il traffico. Ci sono giovani, famiglie, comitive,  il servizio è sorridente, da migliorare solo un po’ sul vino, ma è un dettaglio. Un bel salto dalla prima pizzeria, usata quasi esclusivamente per l’asporto. Adesso è una pizzeria ben arredata,  anche se Sasà pensa ancora a qualche accorgimento come i pannelli fono assorbenti. Lo spazio dei forni è separato dalla sala, ampio.

 

LA FAZENDA
Via Roberto Forlani, 1

Tel. 0823.450735
Aperto sempre

Siamo in periferia e gli spazi tra la sala e gli esterni consentono i grandi numeri. Ma la qualità è garantita dalla esperienza del proprietario Simone Gallo e dalla bravura del giovanissimo pizzaiolo Raffaele Zaccariello. Troverete una buona e rustica pizza nel ruoto insieme ai fritti e alle tradizionali Margherita o Marinara con capperi e olive. Poi non perdetevi La Capricciosa o le creative fatte apposta per voi al momento. Buona la cantina e la selezione di birre.

 

PIZZ’ART
Corso Trieste 31

Tel. 0823.443638
Aperto sempre

Siamo proprio accanto alla Reggia. Il pizzaiolo è Ciro D’avanzo che da ragazzo ha lavorato nei locali più noti della città. In controtendenza ai suoi colleghi casertani offre una pizza in stile tradizionale dal cornicione non pronunciato. Buoni i fritti iniziali e le focacce con insalata e mozzarella. Poi la carrellata di pizze come la Margherita o la marinara. Buona la Punta Chiarito, molto colorata per i suoi ingredienti. Nasce da una bruschetta che Ciro ha assaggiato a Ischia. Ci stanno sopra pomodoro giallo e rosso, olive nere, aglio rosso, peperoncino, pecorino e alici. Buona selezione di birre artigianali e di vini del territorio.

 

PRIMA CLASSE
Via Pietro Mascagni 6B
Tel 0823 344220
Aperto la sera, chiuso martedì

Dopo una bella gavetta Enzo Bastelli, giovane pizzaiolo napoletano, si mette in discussione andando in prima fila in un locale dove finalmente può decidere tutto, dalla qualità delle materie prime al menu. Buone le classiche, a mezza strada fra tradizione e gommoni, da provare la scerpetta, imperdibili le fritture. L’ennesimo segnala della crescita esponenziale in questa città.

__________
ALVIGNANO
__________

ELITE ROSSI
Corso Umberto, 161

Tel. 0823.869092
www.pizzeriaelite.it
Aperto la sera, chiuso il martedì. Ferie una settimana a luglio e una in agosto

L’antico bar della piazza del paese nato nel 1927 cambia passo negli anni  Cinquanta prima introducendo i gelati, poi le prime pizze. Adesso al gorno c’è Pasqualino Rossi, eccentrico e volitivo pizzaiolo che si sta impegnando nella ricerca della qualità e nella promozione mediatica. Provertee allora il tridente margherita, marinara e ripieno o la Carmè Carmé con il cornicione ripieno di mozzarella e farcita con la salsiccia di maiale nero casertano. Numerose altre varianti, abbinate a vini di territorio e a buone birre artigianali.

 

_______
AVERSA
_______

CARLO SAMMARCO 2.0
Viale Gramsci 60

Tel. 338.4954853
Aperto la sera

Dopo la bella esperienza nella pizzeria di famiglia a Napoli Carlo Sammarco si è trasferito qui per sentirsi libero di esprimere la sua filosofia di pizzaiolo tutta incentrata sulla levità degli impasti che nascono da miscele particolari di farine, alta idratazione e lunghe lievitazioni. Poi le materie prime di eccellenza completano il quadro. Nascono così pizze esemplari come le tradizionali Margherita e Marinara. Speciale è la San Giovanni con il prosciutto cotto piacentino e fresche sono le stagionali con gli ortaggi. Buona selezione di vini e birre.

 

LA CONTRADA
Piazza Marconi 14
Tel. 081.8111700

Aperto sempre chiuso lunedì

Se volete vedere una giovane pizzaiola all’opera dovete passare di qui. Roberta Esposito dapprima sommelier ora sta sempre tra il bancone e il forno presa dalla passione della pizza. Buoni gli impasti da miscele di farine non proprio tradizionali. E buone pure le pizze che giungono a tavola. Potete scegliere tra le diverse sette declinazioni della Margherita presenti nel menu oppure abbandonarvi alla pienezza dei sapori con le speciali pizze al baccalà. L’ambiente qui è raffinato e tutto è all’altezza come la carta dei vini e delle birre.

 

MORSI E RIMORSI
Via Nobel n. 252/254
Tel. 081.19751128
Sempre aperto
Una delle più belle pizzerie della Campania, ampia, con un servizio incredibile, forni e cucina a vista. Uno stile a metà fra la tradizione e l’innovazione dei gommoni. Sempre digeribili e straordinarie per l’impasto, le sue pizze sono stagionali e sulel classiche (margherita, marinara, ripieno) sono imbattibili. Da provare l’Aversaa e la polacca, la migliore pizza dolce mai pensata sinora. Ottimi i fritti.

CONSULTA LA GUIDA COMPLETA ALLE PIZZERIE DI AVERSA

________
BELLONA

_________


‘A LUNA ROSSA

Via Vinciguerra, 106
Tel. 0823.966858
Chiuso lunedì (domenica a pranzo niente pizza)
www.ristorantealunarossa.com
Bel ristorante con tanti spunti gourmet legati al territorio casertano ricco di biodiversità. Qui la pizza è una vera sorpresa, molto curata nei particolari, a iniziare dalla Margherita con la mozzarella di bufala dop e tutte le sue varianti. Da provare la focaccia con il conciato romano, pomodorino del piennolo e capperi prodotto dalla famiglia Lombardi

 

_______
CAIAZZO
_______


ANTICA OSTERIA PIZZERIA PEPE
Piazza Porta Vetera, 4
Tel.0823.868401
www.anticapizzeriapepe.it
Chiuso lunedì, aperto la sera
I fratelli Antonio e Massimiliano Pepe proseguono la tradizione iniziata dal padre Stefano e dalla madre Maria. C’è un po’ di cucina come il soffritto e la zuppa forte, ma da provare soprattutto tutto quello che esce dal forno, a cominciare dalla margherita, curata nei dettagli come nelle materie prime, il calzone e qualche fritto cone i meravigliosi grandi crocchè d’antan. Vini casertani e birre artigianali completano l’offerta.

Franco Pepe
Franco Pepe

 

PEPE IN GRANI
Vico S. Giovanni Battista, 3
Tel. 0823 862718
Aperto la sera
www.pepeingrani.it
Franco Pepe ha aperto la sua nuova Casa della Pizza in un palazzo del centro storico del’700 dopo aver lasciato la pizzeria di famiglia per concentrarsi su pizza, ricerca e accoglienza. Sostenuto dalla moglie Rita e dai figli Stefano e Francesca, continua la tradizione dell’impasto fatto a mano e della meticolosa ricerca di alta qualità. Dal forno escono grandi capolavori, margherite, pizz aal cnciato, con l’orto di stagione, il ripieno di verdure è un grande capolavoro che non ha eguali in Campania. La pizza fritta è da sballo. Buoni vini di territorio e bella ricerca di birre artigianali. Servizio competente e accogliente.

________
DRAGONI
________

IL BOCCON DIVINO
Strada Provincia 330, 18
Tel. 0823/866016
Sempre aperti
Chiuso mercoledi
www.ilboccondivino.com

La Locanda da circa dieci anni apre la buona tavola alla ristorazione proponendo nel menù anche la pizzeria, già inaugurata dall’estate scorsa, rivolta ad una clientela sempre attenta alla pizza di qualità,  e espressa mozzarella di bufala campana DOP, le verdure e il pomodoro di qualità del Piennolo o San Marzano, gli alici di Cetara, il Conciato Romano che è di casa, senza dimenticare l’olio quì utilizzato tra le varietà Caiazzana, Corniola e Tondella del Matese. Marrgherita, marinara, con il  conciato. Insoma un tripudio di sapori e di qualità.

 

________
RECALE
_______

CAPATOSTA
Via G.Marconi, 80
Tel.0823.493188
Chiuso lunedì, ferie a luglio

Lello e Enzo Giustiniani hanno buona scuola napoletana alle spalle e si vede nella impostazione della loro pizzeria voluta dal padre Gennaro che dopo aver lavorato da Brandi e gestito una pizzeria in centro decise di lasciare la città aprendo qui nel 1993. D’obblico la margherita stg, da provare quella con crema di noci, provola e pomodorini. Ben eseguita anche la montanara. Vini di territorio e qualche birra artigianale.

*******************************************

PROVINCIA DI SALERNO

_______
SALERNO
_______

ANTICA PIZZERIA VICOLO DELLA NEVE
Vicolo della Neve, 24
Tel.089225705
Chiuso mercoledi
www.vicolodellaneve.it
Un locale fedele a se stesso dal 1930 nel cuore presepiale di Salerno. Anche la cucina ha ormai toni museali che la rendono affascinante: polpette al sugo, baccalà e pasta e fagioli cotti nel forno a legna, parmigiana di melanzane. Si mangia ad esaurimento e la pizza ha conservato lo stile di sempre: margherita, marinara e ripieno con la scarola il trittico in cui la pasta gioca un ruolo preminente rispetto allo stile napoletano. Vini campani, servizio rapido. Imperdibile la marinara con aglio e origano profumato.

CAPPERI CHE PIZZA
Via Roberto Wenner 1
089 9960136

Dopo le aperture di Lugano e Milano il gruppo GMA capitanato dal vulcanico Giuseppe Acciaio, selezionatore e produttore di prodotti di qualità vara un altro bel locale. Siamo subito fuori Salerno sulla strada litoranea che porta verso Paestum a due passi dal mare ed a vista sulla Costiera Amalfitana. Una pizzeria bella ed allegra con un dehors arioso dal quale si accede all’orto didattico curato da Carlo D’Amato, il papà de I Sapori di Corbara. La Capperi che Pizza è intensa e saporita, quest’inverso saranno i suoi profumi a riportare con una “sniffata” la nostra mente alla bella stagione.

 

CIRIPIZZA
Via Conforti, 16/18 (di fronte Banca d’Italia, Corso Vittorio Emanuele)
Tel.089.8426800
Aperto a pranzo e a cena
Cosimo Mogavero è una dei veterani della pizza in provincia di Salerno. Il suo stile è molto diverso da quello napoletano, con una pasta leggermente più croccante e quasi senza cornicione. Sempre ben caratterizzate da ottimi ingredienti: margherita, marinara, ripieno con i friarielli è il trittivo da non perdere. Ottima anche quella integrale e la Cetara, con scarola e colatura di alici. Serviz<io collaudato, buona scelta di birre artigianali e vini del territorio in questo locale nel cuore di Salerno.

 

LA PIZZA DI ANIELLO MANSI
Pizza di Aniello Mansi Quartiere Italia-Salerno
Via Gennaro Stanislao de Crescenzo
Tel.327 474 8614
Aperta la sera

Un anno importante per i fratelli Mansi: la storica pizzeria di famiglia ha cambiato sede e il pubblico numeroso di fedelissimi l’ha seguito. Uno dei tre fratelli, Aniello, insieme alla moglie ha deciso di aprire un nuovo spazio nel Quartiere Italia, quella negli anni ’80 era periferia non asfaltata e che oggi è un luog residenziale della città ben collegato alla Tangenziale (uscita Pastena). Buone le classiche, spesso proposte in versione integrale, ottimi fritti.

 

LA PIZZA DI VINCENZO MANSI
Via Claudio Guerdile 39 (Torrione)
Tel. 089722149 – 3890430716
Aperto solo la sera

Vincenzo Mansi ha aperto il suo nuovo locale a Salerno, sempre nel quartiere Torrione, a dieci minuti dalla stazione, a dieci passi da quello vecchio dove si era fatto conoscere da un pubblico più vasto e dove la fila fuori cominciava già dalle 19:00. Nel mondo della pizza dall’età di 8 anni, con un padre che gli ha insegnato mestiere ed etica del lavoro, ma, soprattutto gli ha insegnato che ogni cosa vuole i suoi tempi. E allora, ha aspettato il momento giusto per passare da un locale semplice e spartano, senza pretese, ad una pizzeria moderna, ben disegnata ed arredata.


RESILIENZA

Resilienza Pizzeria
Via Andrea Sabatini, 4
Tel. 089 285 3082
Aperto a pranzo e a cena
Chiuso: domenica a pranzo

Gennaro Coppeta è un giovane appassionato di cibo e di vino. E viene da una terra, Gragnano, conosciuta in tutto il mondo per la produzione e il commercio di pane, pasta e vino. Ha fatto della sua passione e della fortuna di vivere in prossimità con territori ricchi di prodotti eccezionali una ragione di vita. Tanta bella ricerca di prodotti slow per una pizza dall’impasto un po’ panoso, stile Gragnano appunto. E poi qualche piatto, selezione di salumi, buone fritture. Un bel riferimento a Salerno, nel cuore del centro, a pochi passi dal teatro Verdi.

CONSULTA LA GUIDA ALLE PIZZERIE DI SALERNO

 

___________
BATTIPAGLIA
___________

PIZZART
Via Rosario 14
Tel. 0828.1840582
Aperto la sera
Chiuso lunedì
Passaggi obbligati, necessari per capire il mondo della pizza oggi nelle sue tante sfumature, sono questi.
E così si resta piacevolmente sorpresi nell’incontro con un personaggio come Vito De Vita che insieme a sua moglie Helga Liberto ha messo su PizzaArt per proporre, oltre la pizza, la ricerca attenta e meticolosa sul territorio salernitano e cilentano, tra tradizioni e prodotti tipici.

TRE VOGLIE
Via Serroni 12
Tel. 0828.370533
Aperto la sera

Valentino Tafuri ha cominciato da piccolo a stare tra il bancone e il forno.
Il locale è stato ristrutturato da qualche anno. Bello, spazioso, con arredo essenziale, ma curato. La biodiversità della provincia di Salerno sullo stile napoletano delle pizze. Buono anche il pane, ci sono le classiche con varianti, come per esempio la marinara con sei diversi tipi di pomodoro. Pizze stagionali, buona carta dei vini e delle birre artigianali.

________________
NOCERA INFERIORE
________________

‘O SARRACIN
Piazza Trieste e Trento
Sempre aperto, la domenica solo la sera
Tel 081 365 2772

Angelo Tramontano, poco più che trentenne, è  ‘O Sarracin. Qui trovate lo stile Da Michele, quello della famiglia Condurro, fuori Napoli: pizze larghe a ruota di carro, sottili e scioglievoli. Intendiamoci, lo stile Condurro è quello che ha più influenzato la pizza napoletana nel corso della sua lunga storia, ma la cosa interessante è che qui è intenzionalmente un punto di riferimento. Fritture perfette, menu ampio, arricchito da qualche buona birra artigianale e da qualche vino. Due forni, camera lievitazione a vista e ottimi prodotti. Insomma, da non perdere.

 

________________
NOCERA SUPERIORE
________________

PIZZA & FRITTI
Tel. 081.5176065


Aperto la sera

Chiuso Lunedì
La famiglia Principe è la storia della cucina da queste parti. Ora ha pensato di dedicarsi a fritture e pizza.  E così un angolo di napoletanità è stato trasportato nel salernitano. Governa su tutto Antonella, sorella di Lorenzo che ha il controllo delle padelle con l’olio, mentre al banco e al forno c’è  un bravo pizzaiolo. Buono è l’impasto e i risultati si notano subito. A partire proprio dalla pizza fritta con il pomodoro, la cosiddetta montanara. Piace la frittatina di bucatini goduriosa dal cuore morbido, saporoso di formaggio e di pepe, e dalla crosticina croccante.  Sulla Marinara ci sono le pacchetelle di pomodoro non la passata. Decisa con il suo sapore forte e definito è la Pizza Cipollotta con lardello di nonno Ernesto, cacio ricotta, fiordilatte dei Lattari e cipollotto nocerino dop. Tanti vini e tante birre.

_____________
PONTECAGNANO
_____________

PIZZERIA NEGRI
Via G. Budetti, 28
Tel. 089 848001
Aperto solo la sera
Chiuso: martedi (mai d’estate)
Oltre 90 anni di storia per questa pizzeria nata in aperta campagna nel cuore di Pontecagnano quando era frazione di Montecorvino. Arturo Negri si è appassionato alla gestione mantenendo lo stile della pizza e delle proposte tra cui  il pollo ala cacciatora cotto nel forn oma arricchendo la proposta con prodotti Slow Food, una buona carta dei vini e delle birre. In etsate si mangia all’eperto del giardino, in inverno nella bella sala in stile liberty,

_____________________
SAN CIPRIANO PICENTINO
_____________________

LOCANDA DEI FEUDI 2.0 FRANCESCO CAPECE
Via Vigna, 23, 84099

Pezzano- Filetta (SA)
Tel.089 881437

Nella piccola frazione di Filetta, a pochi chilometri da Salerno, sorge Locanda dei Feudi, che è poi la locanda di Francesco, una vera e propria vetrina d’eccellenza, uno show room della pizza e dei migliori ingredienti campani. Francesco Capece la sa lunga o meglio, il suo occhio guarda lontano, oltre al classico disco di pasta e delle sue origini da buon pizzaiolo.

___________________
SAN MANGO PIEMONTE

____________________

SAVIELLO
Via Francesco Spirito, 90
San Mango Piemonte
Tel. 089.281209 – Cell. 320.8427440
Chiuso lunedì
Tutta la famiglia al lavoro per delle pizze un po’ lontane dallo stile napoletano, ma molto buobne. Provate le montanare, il calzone fritto con mozzarella, ricotta e salame, la Perle Campane con fior di latte, ciliegine di bufala, pomodori corbarini, del Piennolo e San Marzano, la Venere Bianca con burrata, pomodori secchi e alici di Cetara e la torta al pistacchio. Buona carta dei vini.

______
SARNO

______

OFFICINA DELLA PIZZA
Via Paolo Falciani, 84
Tel: 081 965235
Aperto la sera, chiuso il lunedì

Ed ecco un’altra bella storia di pizza. Mario Severino ha 25 anni, già da una dozzina gironzola tra forni e pizzerie dell’hitnterland vesuviano e nel Salernitano. Poi la decisione di mettersi in gioco in prima persona non più solo al bancone ma come imprenditore. E nel marzo 2016 ha aperto questo spazio nel cuore di Sarno, l’ultimo paese della provincia di Salerno al confine con Napoli.

CONSULTA LA GUIDA ALLE PIZZERIE DI TRAMONTI IN COSTIERA AMALFITANA

__________________
VALLO DELLA LUCANIA
__________________

DA ZERO PIZZA E TERRITORIO
Via Rubino
Tel. 0974.717387
Aperto tutte le sere

Un bel progetto che sulla pizza di stile napoletano mette tutta l’incredibile biodiversità dei prodotti del Parco Nazionale del Cilento. Due anni di successo puntando sempre sulla qualità assulta, adesso replicati pure ad Agropoli (frazione Mattine) e a Milano. Imperdibili le classiche, ottime tutte quelle stagionali. Possibile ordinare anche taglieri di salumi e formaggi e, soprattutto, una gran bella batteria di fritti: dagli arancini, ai crocchè alle frittatine di pasta — secondo la migliore tradizione napoletana. C’è una piccola ma curata carta di vini e di birra artigianale, anche in questo caso con un’attenzione particolare ai prodotti del Cilento.

CONSULTA LA GUIDA ALLE MIGLIORI PIZZERIE DEL CILENTO

 

Un commento

    Mondelli Francesco

    (18 dicembre 2017 - 11:15)

    Nella cantata dei pastori dell’etno musicologo DeSimone c’era il cafone conteso da due padroni indeciso su quale seguire:il cacciatore o il pescatore.Va a finire che passa il Natale senza carne e senza pesce.Dopo la mitragliata nordica a base di sciaquapanza (come direbbe il direttore)dal sud si risponde raddoppiando la dose sparando piatti di pizza.A noi,poveri innocenti,presi tra queste due armate,non resta che ritornare al paesello natio accontentandoci di pesce e baccalà e di un capretto che giammai “po mancà”.Augurissimi di buone feste a tutta la società.FM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *