#IORESTOACASA: UNA RICETTA E UN VINO AL GIORNO 2-La ribollita di Burde

11/3/2020 1.5 MILA

di Adele Elisabetta Granieri

C’è chi leggerà il Decamerone e chi scriverà “Le mie prigioni”, noi abbiamo pensato di suggerirvi una ricetta e un vino al giorno, affinché la cucina, il buon cibo e il buon bere ci siano di conforto nel trascorrere qualche serata a casa. Le ricette saranno semplici, da realizzare con ingredienti facilmente reperibili andando a fare la spesa come previsto. Quanto al vino, saranno suggerimenti di massima, da sostituire con quello che avete già in casa, che trovate facendo la spesa ordinaria o che potete acquistare online.

Ribollita di Burde

 

Ribollita di Burde

Ingredienti (per 6): pane casalingo toscano raffermo 300gr, fagioli bianchi secchi 400 gr, due mazzo di cavolo nero, mezzo cavolo verza piccolo, tre mazzetti di bietola, 2 patate, 2 carote, 2 gambi di sedano, 2 cipolle, un cucchiaio di conserva di pomodoro, olio extravergine di oliva, sale, pepe, timo, (olio arrosto)

Procedimento

Lessate i fagioli in due litri di acqua fredda, passarli rimettendo la purea ottenuta nel brodo di cottura. In un’altra pentola fate insaporire in olio evo del pepolino, poi rosolate una cipolla rossa tritata con sedano e carota. Aggiungere acqua portare a ebollizione. A questo punto aggiungete un po’ carote e del sedano tagliati a cubetti, le bietole e i due tipi di cavolo lavati e tagliati a listarelle, le patate sbucciate e fatte a tocchi. Salate, pepate e fate cuocere col coperchio per alcuni minuti, quindi versate nella pentola tutto il brodo dei fagioli. Fate cuocere per circa un’ora. Quando tutte le verdure saranno ben cotte aggiungete ancora del pepolino (timo).

Ora se volete servite su pane tostato e avrete una minestra di pane, ma se volete fare Ribollita lasciate la pentola freddarsi piano piano coperta e fate riposare almeno per 24 ore in frigo e poi riscaldate e fate riprendere il bollore. Il riposo serve a far fermentare un po’ il cavolo nero e quello verza che perde pungenza e acquista dolcezza. Fa un po’ sorridere ribadire che si deve aspettare in tempi in grande popolarità delle fermentazioni come se i nostri nonni non lo avessero già fatto da sempre, senza scomodare il Kimchi.

Prendete un tegame di coccio che possa andare sul fuoco se lo avete aggiungete del fondo della teglia degli arrosti, sistemate le fette di pane raffermo alternandole con la broda. Sciolto il pane con una frusta servite con olio a crudo e se volete con cipolla rossa a fette.

Il vino

Ribollita e Chianti Classico Istine

Chianti Classico Istine: un vino dai profumi di frutti di bosco e violetta, con delicati accenti balsamici e una soffusa speziatura, dal sorso fresco e slanciato.

#IORESTOACASA-1PASTA E PATATE CON PROVOLA E FIANO DI AVELLINO